In occasione del panel di Amazon ai TCA, il capo di Amazon Studios Roy Price ha risposto alle domande dei giornalisti, in particolare su due argomenti molto discussi: la miniserie di Woody Allen, prevista per debuttare nel 2016, lo show sui motori realizzato assieme agli ex conduttori di Top Gear e il mancato salvataggio di Hannibal.

Sulla serie di Allen, Price ha affermato che la stesura delle sceneggiature di tutti gli episodi della prima stagione è ormai quasi terminata, e di aver incontrato il regista qualche giorno fa per discutere dei piani per iniziare le riprese a fine anno o a gennaio, con l’obiettivo di andare online a metà 2016.

Per quanto riguarda l’accordo stretto recentemente con gli ex conduttori di Top Gear Jeremy Clarkson, James May e Richard Hammond per realizzare uno show sui motori da mandare online l’anno prossimo, Price non ha voluto commentare i termini, ma si è detto “molto orgoglioso, perché sarà uno show divertente che tutti i fan in giro per il mondo ameranno”. La serie non ha ancora un titolo.

Infine, un commento su Hannibal e il mancato salvataggio della serie di Bryan Fuller da parte di Amazon dopo la cancellazione da parte della NBC, nonostante l’accordo di streaming tra i due studios. Price ha spiegato di voler investire tutte le energie su una potenziale nuova serie, piuttosto che su una serie già esistente dai margini poco interessanti. Ha riconosciuto, comunque, che il motivo principale di una mancata acquisizione è stato l’impegno di Bryan Fuller con Starz per American Gods, che lo avrebbe tenuto lontano da Hannibal per almeno un anno.

Ancora una volta, Amazon non ha voluto commentare i dati di ascolto delle serie originali, prassi comune dei servizi di streaming (Netflix e Hulu non diffondono dati di questo tipo).

Fonte: Variety