I fratelli Matt e Ross Duffer hanno rivelato molti dettagli sull’attesa seconda stagione di Stranger Things, che sarà composta da nove episodi.
I due autori hanno confermato che Netflix aveva ordinato la produzione delle puntate inedite ancora prima del debutto sulla piattaforma ma hanno dovuto mantenere il segreto fino all’annuncio ufficiale, pur essendo già da mesi al lavoro, apprezzando poi la strategia che ha mantenuto alta l’attenzione sul progetto.

Matt ha confermato che durante il pitch della serie i responsabili di Netflix erano stati informati della direzione che avrebbe preso la storia e ne hanno capito il potenziale. Nella seconda stagione si potrà quindi espandere la mitologia della storia, legata a una dimensione alternativa che permette quindi di avere possibilità illimitate per sviluppare situazioni e personaggi.

I fratelli Duffer hanno raccontato che i giovani attori di Stranger Things stanno affrontando bene l’improvvisa fama, anche se nessuno poteva aspettarsi così tanta attenzione.

L’idea di rivelare i titoli della seconda stagione è stata di Matt e Ross: Netflix aveva preparato un altro teaser per annunciare il rinnovo dello show ma loro volevano condividere alcuni indizi, pur essendo consapevoli che probabilmente non si tratta dei titoli definitivi. L’idea era comunque di condividere della anticipazioni un po’ ambigue difficili da capire.
I Duffer hanno però ammesso che alcuni fan sono riusciti a capire cosa accadrà dai titoli, mentre alcuni sono completamente fuori strada. Ross e Matt non leggono Reddit ma ricevono delle mail in cui si condividono le ipotesi: “Alcune di queste teorie sono elaborate e intelligenti. Non sono spazzatura. Amo leggerle”.
I due fratelli hanno inoltre letto i commenti degli spettatori su Twitter; leggere i feedback è stato gratificante ma non cambierà nulla dei progetti per la seconda stagione perché era già stata delineata prima della diffusione degli episodi.

Nelle nuove puntate entrerà in scena un nuovo personaggio femminile che sarà molto interessante.

I Duffer hanno poi raccontato che non sono cresciuti guardando la televisione, principalmente film, quindi non seguono i tradizionali schemi che contraddistinguono i progetti per il piccolo schermo e attendono la stesura della storia per capire il numero di episodi necessari per creare una stagione completa. Netflix, inoltre, ha concesso loro totale libertà sulla durata e il numero di puntate.

Che ne pensate? Cosa vi attendete dalla seconda stagione?

Trovate tutte le informazioni e le notizie su Stranger Things nella nostra scheda, mentre in questa pagina trovate la recensione della prima stagione.

Fonte: The Hollywood Reporter