Oggi è nota per romanzi cupi come Il Racconto dell’Ancella, da cui Hulu ha tratto la celebrata The Handmaid’s Tale: eppure, all’inizio della sua carriera, Margaret Atwood pensava già a un piano di riserva per la sua carriera di scrittrice, che comprendeva storie romantiche alla Danielle Steel. “Ci ho provato, e fondamentalmente non ci riuscivo. Avevo 18 anni, cosa posso dirti? Mi sono impantanata. Potevo crearne le trame, ma non potevo metterle in prosa.”

Riguardo il suo romanzo più celebre, Atwood ha raccontato di avere iniziato a scriverlo a Berlino Ovest nel 1984. “C’era ancora il muro,” ha detto in un’intervista a Variety. “Poiché ero canadese, potemmo andare a Berlino Est, in Cecoslovacchia e in Polonia. Erano tutti paesi della cortina di ferro in quel momento. Ciò ha sicuramente influenzato il libro, in particolare la sensazione che le persone fossero molto riluttanti a parlare con te fino a quando non si fossero fidate. Stavo pensando a questo libro da un po’. Avevo raccolto ritagli di giornale, cosa che si faceva a quei tempi. Non c’era internet. Quindi la mia regola era che non ci fosse nulla che non avesse un precedente nella vita reale, fosse anche in epoche passate o luoghi lontani.”

Eppure, Atwood nega che The Handmaid’s Tale possa essere definito “romanzo femminista. “Cosa significa? Questo termine troppi significati diversi. L’ho sempre visto come una storia con delle donne al centro. Questo lo rende femminista? Sì. Ma non esiste una definizione di “femminista”. Ecco perché chiedo sempre alle persone che tipo di femminismo intenda.

Sull’adattamento cinematografico del 1990, sceneggiato dal grande Harold Pinter, la scrittrice ha detto di essere rimasta delusa – come la protagonista Natasha Richardson – dal taglio radicale della voice over di Offred, registrata e poi estromessa dal final cut. Fortunatamente, il successo della versione televisiva di The Handmaid’s Tale ha portato lo showrunner Bruce Miller a dire che potrebbero esserci ben dieci stagioni della serie: ipotesi che lascia Atwood piuttosto perplessa. “Dieci sembra una cifra spaventosamente alta; ma è davvero molto convinto, dovremo sederci e parlare di come raggiungere dieci stagioni.”

Inoltre, Atwood ha dichiarato che la vittoria di Hillary Clinton avrebbe compromesso, in parte, l’efficacia della serie. “Avrebbe funzionato come serie, ma non avrebbe avuto lo stesso impatto. Vedi sempre queste cose attraverso la lente degli eventi che hanno avuto realmente luogo. Charles Lindbergh sembrava avere possibilità come presidente degli Stati Uniti negli anni ’30. Ma nel 1942 non lo era più. Perché? Perché gli Stati Uniti erano nella seconda guerra mondiale e lui era un fascista.”

Nessuno stupore, però, per l’elezione di Donald Trump: “Sono troppo vecchia per essere davvero sorpresa. Pensa a quanto tempo sono stato su questo pianeta. Ho visto molti cambiamenti di regime in diversi paesi. Le persone che erano state devastate erano giovani che non avevano mai sperimentato nulla del genere. E alcuni di loro erano piuttosto arrabbiati. Ma non è la fine del mondo, anche se è piuttosto brutto per l’ambiente.”

La nuova stagione di The Handmaids’ Tale debutterà il 25 aprile 2018.

Fonte: Variety

Consigliati dalla redazione