01Chi ha seguito la prima stagione di The Good Doctor sarà rimasto colpito dal finale di stagione, non certo avaro di emozioni. Nell’ultimo episodio della prima stagione del medical drama creato da David Shore, il dottor Shaun Murphy (Freddie Highmore) e il dottor Aaron Glassman (Richard Schiff) hanno affrontato una tempesta emotiva dinnanzi alla diagnosi del cancro al cervello di Glassman. All’inizio, i medici danno a Glassman solo pochi mesi di vita, ma su richiesta di Shaun, Glassman si sottopone a più esami e scopre come la sua diagnosi iniziale fosse sbagliata.

Sfortunatamente, Shaun è così distratto dalla situazione di Glassman che commette un errore quasi fatale in sala operatoria. Fortunatamente, lui ei suoi colleghi sono in grado di rimediare prima che il paziente muoia. Sebbene il dottor Melendez (Nicholas Gonzalez) e il team siano disposti a coprire Shaun, il buon dottore del titolo è all’altezza del suo nome e decide di presentarsi di fronte al Dr. Marcus Andrews (Hill Harper), il che mette a rischio il lavoro di Glassman – che aveva promesso al consiglio dell’ospedale che si sarebbe dimesso se Shaun avesse dimostrato di essere meno che eccellente. Ciononostante, Glassman resta accanto a Shaun e lo accompagna all’ufficio di Andrews. Così, sia la carriera di Shaun che quella di Glassman sono in bilico.

In una recente intervista a Entertainment Weekly, proprio il creatore David Shore ha rivelato qualche dettaglio in più su cosa aspettarsi dalla seconda stagione della serie, ufficialmente rinnovata. “Sapevo di voler chiudere la stagione con la promessa con cui era iniziata,” ha dichiarato in merito al finale. “E volevo che [Shaun] commettesse un errore, e volevo vederne le conseguenze.” In merito al tumore di Glassman, Shore ha detto di non aver mai preso in esame l’ipotesi di far morire il personaggio così presto. “Se vogliamo rendere un personaggio come questo importante e fondamentale per il nostro show, non voglio esplorarlo per un solo episodio. L’impatto che la sua condizione ha su Shaun, su se stesso e sulla loro relazione è qualcosa che vale la pena esplorare,” ha detto Shore. “Penso che molte persone vi si riconosceranno. Tutti abbiamo dovuto, o dovremo, prenderci cura delle persone che amiamo, e questa è una trama che voglio esplorare.”

Shore ha poi dichiarato la propria soddisfazione per questa prima stagione di The Good Doctor. “Questo personaggio è unico, e sono orgoglioso dell’impatto che ha avuto su così tante persone. Reagisco emotivamente a questa storia: diverse persone mi hanno detto di aver iniziato, in certe circostanze, a imitare il dott. Murphy,” ha rivelato nell’intervista a EW. “Sai, il suo modo di parlare. Un tempo, imitare una persona affetta da autismo era – e lo è ancora, in genere – piuttosto meschino, francamente. Non viene fatto per nessun altro scopo che non sia la presa in giro. Ma [in questo caso] le persone lo fanno con rispetto, perché a un certo livello vogliono essere come lui. Gli rendono omaggio. Il fatto che la gente guardi un personaggio autistico in quel modo, per me, è davvero parte di un cambiamento sociale che stiamo attraversando. Spero di interpretarlo in modo corretto.”

Cosa ne pensate? Avete seguito la prima stagione di The Good Doctor? Fatecelo sapere nei commenti!

Fonte: Entertainment Weekly

Consigliati dalla redazione