Dopo due stagioni e una cancellazione improvvisa, Sense8 si è chiusa con un episodio speciale di quasi tre ore che ha visto i protagonisti trionfare contro i cattivi e coronare i rispettivi sogni d’amore. Abbiamo visto Wolfgang (Max Riemelt) riunirsi al resto del suo gruppo – estranei collegati da una coscienza condivisa – e abbiamo visto i nostri eroi combattere per la prima volta insieme anche fisicamente oltre che mentalmente.

La vittoria, portatrice di un futuro di speranza, è stata celebrata con il matrimonio tra Nomi (Jamie Clayton) e Amanita (Freema Agyeman) e completato con la più grande scena di orgia della serie. L’episodio si è concluso con la commossa dedica “per i nostri fan”.

“I fan hanno supportato lo show sin dal primo giorno”, ha detto il produttore esecutivo della serie Grant Hill in un’intervista all’Hollywood Reporter. “Volevamo dar loro qualcosa, ma abbiamo anche pensato che lasciare lo show come un punto interrogativo non andasse molto bene, volevamo vedere un finale che avesse lo stesso livello di narrazione, energia e sforzi che hanno caratterizzato le due stagioni.”

La seconda stagione è stata lanciata il 5 maggio 2017; la serie è stata cancellata il 1 ° giugno e Lana Wachowski ha annunciato l’episodio finale il 29 giugno. Quello che è successo da lì, dice Hill, è stata una serie di eventi “frenetici”: Wachowski ha iniziato a lavorare sulla sceneggiatura (ha diretto e co-scritto l’episodio Amor Vincit Omnia), mentre i produttori stavano negoziando contemporaneamente il budget con Netflix, un processo consueto di quattro mesi che era stato bloccato da settimane. Anche il cast doveva essere bloccato per la pianificazione.

“Dato che avevamo detto a tutti che la seconda stagione sarebbe stata la conclusione della serie, gli attori avevano nel frattempo trovato nuovi ingaggi”, ha dichiarato Hill. “Quando abbiamo girato la prima e la seconda stagione, abbiamo avuto tutto il cast principale per tutto il tempo. Durante le riprese di questo episodio, tutti avevano altri impegni, ma una volta che abbiamo pianificato il tutto ce l’abbiamo fatta.”

Il finale ha previsto 27 giorni di ripresa, relativamente pochi data la durata dell’episodio. “Ci sono state alcune chiacchiere sul fare due puntate, e poi ci siamo resi conto che non avrebbe dovuto essere episodico, è un finale e avrebbe dovuto essere autosufficiente”, ha detto Hill, che spera di raggiungere un pubblico più ampio con il finale. “Il ventisettesimo giorno, ci siamo fermati e tutti hanno pianto e poi abbiamo fatto una gigantesca festa.”

Il finale di Sense8 è stato girato in quattro città: Berlino, Parigi, Bruxelles e Napoli, ma l’impresa più impressionante è stata filmare il matrimonio di Nomi e Amanita sulla Torre Eiffel. La cerimonia e la festa del cast, che comprende 20 minuti del finale, sono state girate in appena un’ora e mezza.

“Potevamo avere la Torre Eiffel solo per una notte: non è mai stata chiusa per un’impresa commerciale o per riprese”, ricorda Hill. “Erano previste precipitazioni e quella sera aveva piovuto, avevamo due ore prima che dovessimo lasciare i locali; la pioggia e il vento si erano fermati, e abbiamo girato a una velocità mai vista prima, c’erano telecamere ovunque. Era un caos controllato, ma tutti erano determinati.”

Le nozze e l’orgia post-matrimonio costituivano l’ultimo capitolo dell’episodio – 30 minuti in più che Wachowski aveva chiesto a Netflix per salutare degnamente i sensate. “Questo matrimonio è la prova che, a dispetto di tutte le differenze tra noi e di tutte le forze che cercano di dividerci, nulla potrà mai superare il potere dell’amore che ci unisce”, dice l’officiante durante la cerimonia.

“Penso che ci sia la consapevolezza, in questo, che per cambiare le cose e portare il mondo a un ordine leggermente diverso e migliore, devi iniziare dagli individui”, dice Hill a proposito di Wachowski, che ha creato lo show con J. Michael Straczynski. “Dobbiamo essere più tolleranti. Ci saranno sempre delle differenze, ma almeno le persone puntano a obiettivi più ampi di inclusione e di ascolto: essere preparati ad ascoltare il punto di vista di qualcun altro, discutere, arrivare da qualche parte.”

Quando uno dei personaggi maschili eterosessuali, Rajan (Purab Kohli), bacia Wolfgang durante la scena di sesso di gruppo, dice a sua moglie Kala (Tina Desai), “Mio Dio, non pensavo che cose del genere fossero possibili”. Alcuni personaggi sono collegati fisicamente, altri dalla loro mente. La telecamera quindi si sposta sul dildo color arcobaleno mostrato per la prima volta con Nomi e Amanita nell’episodio pilota.

“Era nella mente di Lana da molto tempo e tutti pensavamo che fosse giusto”, afferma Hill del finale, che ha comportato alcune controfigure, ma è stato girato in gran parte dal cast principale. “In un certo senso, vuoi essere felice per ciò che hai visto e completare questo traguardo. Volevamo lasciarlo su una nota gioiosa, un fattore importante per tutto il tempo è stato ampliare lo spettro – non solo per aprire la mente delle persone, ma per invitarle a qualcosa che potrebbero non aver trovato senza questa serie.”

Anche questa sequenza è stata filmata rapidamente, in circa 45 minuti. “Non c’è coreografia in grado di offrire qualcosa di simile a quello basato sulla prova, è stata una cosa realizzata all’impronta e in un momento molto felice. Questa era l’idea del finale: vedi la gioia del modo in cui si sono incontrati, vedi il loro ricongiungimento in una sequenza che spero sia bella per le persone.”

Questo ha raggiunto l’obiettivo della serie, afferma Hill: “Abbiamo sempre sperato e provato, senza essere invadenti, a puntare a una storia inclusiva che non si rivolgesse a nessun tipo particolare di persone, ma che fosse piena di energia e amore, con individui che si aiutano a vicenda e hanno una causa comune, e che si divertono un po con essa.”

Hill spera che l’episodio finale spinga nuovi spettatori a vedere la serie. “Mi piacerebbe vedere questo episodio attirare un nuovo pubblico, penso che ne valga la pena, penso che lo meriti, ma il tempo lo dirà.” E se Amor Vincit Omnia sembra decisamente escludere l’opzione per un eventuale prosieguo, Hill dice che è stata una scelta intenzionale.

“È difficile tornare a fare un finale come questo quando sei stato cancellato”, spiega. “Abbiamo capito e Netflix è stata sincera e gentile, ma è una cosa difficile da affrontare. Ci vuole sempre molto tempo, in particolare quando i fan stanno impazzendo e tutti hanno una visione diversa su come siano andate le cose; poi è arrivato il momento in cui tutti abbiamo accettato il fatto che fossimo giunti alla fine, quindi anche tornare sul set è stato difficile, perché avevamo già tentato di allontanarci mentalmente da quel ricordo.”

Hill ha poi aggiunto: “Netflix aveva comprensibilmente detto fin dall’inizio che volevano qualcosa che fosse un finale, lo sapevamo, ci hanno chiesto di farlo, e così l’abbiamo realizzato con una buona coscienza. Penso che non avremmo potuto fare di meglio.”

Fonte: Hollywood Reporter

Consigliati dalla redazione