Nella serie The Deuce, creata da David Simon e George Pelecanos, il personaggio di Maggie Gyllenhaal è Candy, unica prostituta sulla 42esima Strada di New York a non avere un protettore; alla fine della stagione, la donna è approdata al cinema porno come aspirante regista. Non è un arco trionfale, ma uno molto combattuto sia per Candy che per l’attrice che la suona.

Gyllenhaal, oltre a interpretare un ruolo difficile che richiedeva numerose scene di nudo, è anche produttrice della serie. “Ho letto le sceneggiature dei primi tre episodi,” ha rivelato in un’intervista a The Wrap. “Erano le prime bozze, e Candy è piuttosto marginale fino al quarto episodio. Ero concentrata su chi sarebbe stata e su cosa sarebbe diventata, ma non mi ero mai imbattuto in un progetto del genere senza aver visto la sceneggiatura.”

Malgrado ciò, l’attrice è entrata nel progetto al punto da arrivare a produrlo. “C’era un’idea abbastanza chiara di dove stesse andando [Candy]. Inizia come prostituta per strada e, alla fine della prima stagione, è una regista. La qualità della scrittura era davvero alta, cosa non comune. Sono rimasta affascinata dall’idea di interpretare una lavoratrice sessuale come spunto per riflettere sul modo in cui tutti noi ci rapportiamo alla sessualità e alla sua mercificazione. Basti pensare alla misoginia e a come sia viva nella nostra cultura. È stato molto intrigante per me, mi ha attratto. Avevo solo bisogno di una garanzia per essere coinvolto.”

Proprio in merito al ruolo della donna, Gyllenhaal ha espresso parole d’elogio per Simon e Pelecanos. “David e George erano molto attenti a non oggettivare le donne, quindi a non creare ciò che stavamo criticando. Per esempio, ho detto a David prima che iniziassimo a girare, “Ci sono moltissime rappresentazioni del sesso performativo, ma penso che tu abbia bisogno di mostrare quale sia il vero desiderio femminile. Penso che tu debba inserire un vero orgasmo femminile nella serie, al fine di contrastare ciò che osserviamo nel resto del contesto.”

“Gli dissi che pensavo che dovessimo vedere Candy masturbarsi, e lui sputò il suo caffè nella tazza,” ha spiegato Gyllenhaal. “Poi non ho più avuto sue notizie, il che è molto da lui; è apparso nel quinto episodio. Abbiamo girato una scena in cui Candy ha un fidanzato e lui non la fa godere, quindi lei provvede a raggiungere l’orgasmo da sola. Quando ho visto il primo montaggio, avevano tolto l’orgasmo. E ho detto: “Oh mio Dio, cosa avete in testa?” Non ho detto proprio così, ma ero tipo, “Ragazzi, no, no, per favore”. E l’hanno reinserito.”

Gyllenhaal ha anche commentato l’importanza del tema dello sfruttamento femminile nella società odierna: “Abbiamo girato la stagione durante la preparazione delle elezioni e Trump è stato eletto subito dopo aver finito le riprese. Penso che tutto questo – il potere, la misoginia, ciò che è il femminismo contemporaneo, il ruolo che il sesso gioca in tutto questo – fosse nella mente di tutti guardando la campagna.”

“Il sesso è, storicamente, qualcosa che le donne sono state costrette a utilizzare per ottenere ciò di cui avevano bisogno,” ha continuato l’attrice e produttrice. “Penso che sia interessante considerarlo nella versione più estrema, che è la pornografia e il lavoro sessuale. E spero solo che lo show continui ad essere così inflessibile come lo è stato finora nell’esplorare i modi in cui tutti noi siamo complici.”

Gyllenhaal ha concluso con un’accusa alla cultura contemporanea: “Viviamo in una cultura misogina. Se vuoi che cambi qualcosa, vieni e unisciti a noi, parliamone insieme e attuiamo un cambiamento. Penso che siamo tutti d’accordo su cose che molti di noi, uomini e donne, non vogliono più accettare. La nostra serie parla di questo.”

Ma cosa sogna Gyllenhaal per il personaggio di Candy? “C’è solo una cosa che voglio davvero per lei. E in pratica David mi ha detto “Arriverà, ma non l’otterrai fino alla terza stagione”.”

Cosa ne pensate? Avete visto la prima stagione di The Deuce? Fatecelo sapere nei commenti!

Fonte: The Wrap

Consigliati dalla redazione