Se un bel giorno vi dovesse capitare di tornare a casa all’improvviso senza il minimo preavviso, come canta Tony Tammaro, e beccare la vostra metà in dolce compagnia, sappiate che non vi sta tradendo, ma semplicemente mandando “segnali”. Questo è quanto abbiamo imparato da quel bricconcello di Stefano Bettarini, protagonista, insieme alla fidanzata Nicoletta, di un imperdibile falò di confronto nel magico mondo di Temptation Island Vip. Tanti pianti asciutti per Nicoletta, tremendamente affranta dopo avere visto, nel pinnettu, tanti video che ritraggono il suo Stefano intento a trastullarsi allegramente con una provocante bionda tentatrice. Lo vediamo ammiccare come un vero conquistatore e lanciarsi con la ragazza in sensuali balli, con tanto di appoggio, e concludere la giornata con un incontro a due in vasca idromassaggio, evidente preludio ad un gioviale accoppiamento.

La baby fidanzata osserva disperata le immagini, e prima che la situazione precipiti definitivamente chiede il confronto con il suo amato, ma lui, a cui lei sta chiaramente rompendo le uova nel paniere, da gran signore, non si presenta all’incontro e la sua assenza ci regala uno dei quarti d’ora più trash di questa settimana tv. Simona Ventura prende a cuore il caso, si siede accanto a Nicoletta, rimasta sola al falò, la consola e poi le indica esattamente, conoscendo bene il suo fidanzato, in quanto suo ex marito, come fare per riprendersi il farfallone. E le sue dritte funzionano perché Stefano, che si definisce un maschio alpha, in fondo è un uomo semplice e Simona lo sa. Quindi il giorno seguente lui arriva al falò e con una faccia tosta senza precedenti spiega alla compagna di averla solo messa alla prova per vedere se lei è in grado di tenergli testa.

La balla spaziale innesca un’animata discussione tra i due sotto lo sguardo compassato della Ventura, che vorrebbe contorcersi dalle risate, e invece, anche se a fatica, riesce a mantenere un invidiabile contegno. Il livello del litigio è questo: lui dice “Ti porto tutti i giorni fuori a pranzo e cena, cosa vuoi di più? Diventa una donna, stai a casa, impara a cucinare!”. Lei ribatte “Sono una Larini, mica ho bisogno di te, anzi”. Intanto per comprendere il motivo per cui questa ventiquattrenne voglia a tutti i costi stare con questo maturo donnaiolo che la tratta da sciacquetta bisognerebbe scomodare Roberto Giacobbo, perché ora che è passato alla grande famiglia Mediaset potrebbe impegnarsi, insieme al suo team di scienziati, per dipanare questo fitto mistero.

Nel frattempo gli intrighi delle altre coppie in vacanza per testare la forza delle loro unioni proseguono tra pianti, urla e strepiti.

Turbamenti d’animo per Valeria Marini che, inquieta, si sbilancia e dice al giovane madrileno Ivan “Mi piaci” e in spiaggia si esibisce davanti a lui in movenze che forse vorrebbero essere ginniche, ma che in realtà producono l’ effetto di un kamasutra in solitaria. Però Valeria in realtà è infelice perché il suo fidanzato Patrick non la fa sentire donna, non le dà attenzioni e la fa sentire sola. Sedotta a abbandonata si sente l’altra concorrente Ursula dopo avere visto il video di corteggiamento del compagno Sossio con Sara e, ferita, si sfoga con uno dei single facendo un ritratto impietoso del suo uomo. Lo definisce fallito, uno che non ha mai avuto voglia di lavorare e che nella vita non ha costruito nulla, in pratica, e lo ripete varie volte, un co****ne. Lui vede il filmato, ci rimane male, cerca una spalla su cui piangere e invece della spalla, trova il sensuale corpo di Sara che gli risolleva subito l’umore.

Lei fa la finta ritrosa, si arrabbia come una vera gattamorta professionista quando lui non prende le sue difese durante uno stupido gioco con gli altri ragazzi, dice di essere una ragazza molto riservata e poi tutta languida, in piscina, mentre Sossio infoiato come un bufalo le sussurra “Sono pazzo di te”, lo abbraccia e si lascia baciare la profonda scollatura. Forse perché lei è una donna dai sani costumi, sì, ma da bagno. Un feeling sta nascendo anche tra Andrea Zenga e la single Barbara alla faccia della fidanzata piagnona che lui descrive come una palla al piede. In tutta risposta lei racconta a tutti che lui è un noioso monotono senza ambizioni. Anche la coppia televisiva Giordano-Nilufar ci pare già prossima al capolinea: guarda caso tra i single del villaggio c’è un ex corteggiatore di lei che si avvicina ogni giorno di più alla bella ex tronista. Giordano è già stato cornuto una volta, forse meglio chiedere il confronto subito ed evitare che spuntino altre ramificazioni sul capo.

Ma la settimana appena conclusa ha visto anche la partenza del capostipite di tutti i reality, la nuovissima edizione del Grande Fratello Vip. Alla conduzione, in compagnia di un fido Alfonso Signorini più scatenato che mai, troviamo ancora una volta Ilary Blasi con nuovo look e vestito provocante, emblema chiarificatore dell’impronta che si vuole dare al programma. Le battute e i riferimenti sessuali si susseguono fin dai primi istanti, i doppi sensi si sprecano, le allusioni sull’abito di Ilary e il filo che le attraversa l’audace décolleté finiscono per riguardare anche Signorini che invece il filo dice di averlo nelle mutande, forse alludendo all’uso del perizoma, che gli dona sicuramente. I vip nella casa quest’anno sono tantissimi, bei ragazzi e fanciulle single pronte a stringere amicizie. Tra queste l’esuberante Giulia Salemi, nel cui video di presentazione scorrono i fotogrammi del suo celeberrimo red carpet a Venezia, dove la ragazza si era presentata fasciata in un vistoso abito con spacco inguinale e patonza al vento. Nella casa più spiata d’Italia si confronterà con un altro concorrente dall’inguine altrettanto famoso.

Parliamo del redivivo Valerio Merola, di professione conduttore, ma noto al grande pubblico con il nomignolo di Merolone per una dote fisica che un giornale di gossip tanti anni fa aveva reso visibile, addirittura in copertina, nascondendola sotto un bollo argentato tutto da grattare. Ivan Cattaneo, anche lui rinchiuso nella casa, ringrazia la produzione per avergli mandato il Merolone e il regalo gli sarà particolarmente gradito al momento della doccia. Signorini completa il siparietto osè simulando ingenuità e domandando il significato del soprannome di Merola. Tra i concorrenti di fascia giovane, spicca, ormonalmente parlando, l’olimpionico judoka Fabio Basile, fresco di Mondiali, che ci tiene subito a far sapere che per motivi sportivi proviene da un lungo periodo di astinenza e che quindi ora ha “il testosterone carico a pallettoni”. Nella casa, in quanto a belle ragazze, ha l’imbarazzo della scelta, tra di loro c’è anche l’influencer Benedetta Mazza che, per Alfonso Signorini, non è un nome e cognome, ma un progetto di vita. Le premesse per un’edizione al limite della censura al momento ci sono tutte.

Ma i riferimenti anatomici dalla cintola in giù fanno capolino anche durante l’ultima puntata di Quelli che il calcio. Melissa Greta Marchetto, presenza fissa del programma, commentando i fatti della settimana si sofferma maliziosamente sulla vicenda Stormy Daniels e Donald Trump. L’ex pornostar, in un libro scandalo appena uscito, racconta la sua relazione con il presidente degli Stati Uniti scendendo in dettagli molto intimi e Melissa, alle quattro del pomeriggio, ritiene opportuno condividerli con i telespettatori rendendo noto che Donald Trump, secondo la pornodiva, ha un “pistulino” piccolo, brutto e molto somigliante al fungo di Mario Kart, il personaggio dei videogiochi. E mentre scorrono le immagini del fungo, la parola “pistulino” viene ripetuta a più riprese, segno che deve avere colpito particolarmente la solare Marchetto.

Dal pomeriggio a luci rosse di Raidue passiamo invece alla serata della Nove con la nuova serie di ‘O mare mio, il programma che vede Antonino Cannavacciuolo girare note località marittime italiane alla scoperta di angoli suggestivi e alla ricerca di un cuoco amatoriale che gli cucini al meglio una tipica ricetta locale. Stavolta tocca a Termoli, alle polpette di pane e formaggio e a tre singolari figuri pronti a sfidarsi ai fornelli. Abbiamo una barista innamorata del nostro chef, un italo canadese fan di Elvis Presley e che si veste come lui e un impresario di pompe funebri che si stende nelle bare perché dice “devo testare personalmente ciò che vendo”. I tre personaggi sono delle macchiette e snaturano il senso della trasmissione, perché la cucina, anziché essere protagonista, si riduce a pallida comprimaria. E ironizzare sulla morte può essere divertente quando lo scherzo dura poco, ma vedere il becchino che prende le misure ad un infastidito Cannavacciuolo e che poi, per farsi perdonare del gesto, cerca di regalargli un agghiacciante portachiavi a forma di bara, è davvero una trovata di pessimo gusto. Per una volta niente pacca sulla spalla da parte dello Chef Antonino, perché, le sue mani, per scaramanzia, sono di sicuro impegnate a stringere altro.