Harriet Walter (The Crown) e Frances O’Connor (Mr. Selfridge) saranno le protagoniste della serie The End, prodotta per Sky e Foxtel, e prodotta dalla casa indipendente di produzione See-Saw.

Lo show andrà in onda nel 2019 e racconta la storia di tre generazioni di una famiglia con delle ossessioni diverse, ma che si intrecciano, e cercano di capire come morire con dignità, vivere senza mezzi propri e dare un senso alla propria esistenza.

O’Connor interpreterà la dottoressa Kate Brennan, una specialista in cure palliative che lavora in Australia e deve affrontare il tema dell’eutanasia, pratica a cui è fortemente contraria. Dall’altra parte del mondo sua madre Edie Henley (Walter) pensa invece di avere il diritto di morire. Kate non ha molte scelte e manda via Edie dall’Inghilterra, facendola vivere in una cittadina di pensionati sulla Gold Coast, l’incubo peggiore della donna. Mentre Kate lotta per superare i propri problemi, i suoi figli stanno cercando di capire chi sono e chi vogliono essere. La storia affronta quindi le dinamiche tra genitori e figli, tra etica ed emozioni, e sul fatto che non sia mai troppo tardi per iniziare una nuova fase della propria vita.

La serie sarà composta da dieci episodi, girati in Queensland nei prossimi mesi, ed è stata scritta da Samantha Strauss (Dance Academy) e diretta da Jessica M Thompson e Jonathan Brough.
I produttori esecutivi sono Jamie Laurenson, Hakan Kousetta, Rachel Gardner, Samantha Strauss, Iain Canning ed Emile Sherman.

Walter ha dichiarato:

Si tratta di un progetto davvero originale e non vedo l’ora di poter rimanere nel personaggio di Edie, che non è paragonabile ad altre parti che ho interpretato, per un po’ di tempo ed è eccitante. Ritornare a casa in Australia per fare parte del cast di una serie così originale e interpretare un personaggio così complesso, interessante e in difficoltà come Kate Brennan, è elettrizzante.

Strauss ha aggiunto:

Spesso ci allontaniamo dall’idea della morte e cerchiamo di fingere che non accadrà mai. Questa serie cerca di ottenere l’effetto contrario. Mentre i nostri personaggi cercano di capire come morire, dovranno realmente affrontare il modo in cui hanno vissuto e cosa faranno con il tempo che hanno a disposizione. La serie è inoltre piuttosto folle con cose come vagine giganti e molto sesso terribiile. Nessuno è perfetto in questa famiglia, ma si amano a vicenda per i propri difetti e, speriamo, anche il pubblico li amerà.

Gardner ha quindi concluso:

Vedere sullo schermo le difficoltà che affrontano le persone di mezza età e le donne anziane è raro, ma Sam Strauss ha creato proprio questo con un gruppo di personaggi attraverso prove e tribolazioni in cui le persone di tutte le età possono immedesimarsi. Non potremmo desiderare un cast più meraviglioso per portare in vita questi personaggi e gli script sorprendentemente originali di Sam.

Che ne pensate? Lasciate un commento!

Fonte: Deadline

 

Consigliati dalla redazione