Da quando Sex and the City ha chiuso i battenti – non prima di aver sfornato ben due film per concludere idealmente la storia delle protagoniste – c’è un’altra trama che ha appassionato parte degli spettatori della serie HBO: la guerra tra Kim Cattrall, che nella serie interpretava la spregiudicata Samantha Jones, e Sarah Jessica Parker che vestiva invece i costosissimi panni di Carrie Bradshaw.

Cattrall ha fatto scalpore nel 2017, quando si è diffusa la notizia che un terzo film della saga di Sex and the City era stato accantonato a causa di negoziazioni contrattuali fallite con l’attrice, e di nuovo a febbraio quando si è scagliata contro la collega Parker sui social media dopo la morte di suo fratello. “La tua continua falsità è un doloroso promemoria di quanto realmente crudele tu fossi allora e adesso”, ha scritto Cattrall in un post su Instagram rivolto a Parker. “Lascia che lo metta BENE in chiaro (se non l’ho già fatto). Tu non sei la mia famiglia, non sei mia amica, quindi ti scrivo per dirti un’ultima volta di smettere di sfruttare la nostra tragedia per ripristinare la tua immagine di “bella persona”.”

In un nuovo capitolo del podcast Origins di James Andrew Miller, il conduttore ha affrontato questi argomenti frontalmente con le star Parker, Cynthia Nixon e Kristin Davis, insieme ai creatori e ai produttori dello show. Cattrall non ha partecipato al podcast, ma ha detto a Miller “che ha già detto tutto ciò che voleva dire su Sex and the City“.

Michael Patrick King, che ha scritto ed è stato produttore esecutivo della serie, così come ha scritto e prodotto i due film, ha detto che le tensioni tra Cattrall e le altre colleghe sono iniziate presto nello show, in gran parte per soldi e competizione per i riflettori. Ha spiegato che quando la serie era agli inizi, Parker era di gran lunga il nome più importante tra le quattro protagoniste, e stava correndo il rischio a passare dal cinema a uno show tv della HBO. A causa del suo status di star, è stata pagata come tale.

“Lo show non esisterebbe se Sarah Jessica non fosse stata la stella bionda della serie, è la numero 1. Kim non era al culmine della sua carriera, Kristin era sotto di lei in termini di notorietà, Cynthia era un’attrice teatrale – e i loro contratti rispecchiavano questo status”, ha detto King a Miller nel terzo episodio del podcast.

“Mentre la serie progrediva, i personaggi sono cresciuti, è diventata una famiglia”, ha detto. “Kristin, Cynthia e Sarah Jessica sono diventate un gruppo e Kim non si è mai unita a loro mentalmente.”

Ha continuato, “Kim si è impuntata e ha detto: “Sono la preferita di tutti”. [Il nome di Parker] era contrattualmente, legalmente, virtuosamente, l’unico nome sul poster, il che è dovuto al fatto che era una star del cinema nel 1998 quando la serie iniziò e fece un salto nel buio prendendo parte a uno show sul sesso su [HBO]. Suppongo che a Kim non importasse, ma non ci sarebbe mai stata parità.”

Il produttore esecutivo ha detto che queste difficili trattative contrattuali non erano nulla di nuovo, ma di solito questi problemi venivano risolti nel momento in cui venivano a galla. E anche se a volte c’era tensione a porte chiuse, “nessuno ha mai reso pubblici i malumori.”

Da parte sua, Parker – che è anche una produttrice dei film – ha fatto tutto il possibile per mostrare a Cattrall di volerla in squadra per il terzo film, ricordando numerose conversazioni con il suo manager per convincerla a riprendere la sua parte. In definitiva, però, “lo studio ha detto:” Non possiamo soddisfare le sue richieste, non siamo in grado di farlo, non hanno senso per noi”. Quindi è finita, ma non è un assassinio di personaggi, è solo il modo in cui funziona l’industria.”

Parlando della relazione tra lei e Cattrall, Parker ha detto: “Non sono in guerra con nessuno, non ho mai pubblicamente detto qualcosa di poco amichevole, sgradevole su Kim perché non è quello che provo per lei”. Ha inoltre confutato l’idea che gli anni trascorsi nello show fossero stati costellati di litigi con la sua coprotagonista, dal momento che “non avremmo potuto funzionare, avrei avuto mal di stomaco ogni giorno”.

Nixon non ha risposto alle domande su Cattrall sul podcast, e Davis ha detto che non è nella posizione di poter fare da pacificatore tra Cattrall e il team di Sex and the City. “Penso che ci siano altri problemi che riguardano le cose personali degli altri che non sono affar mio”, ha detto Davis a Miller. “È dura quando hai lavorato con qualcuno per 20 anni, vuoi provare rispetto e ottenere rispetto. È molto difficile perché siamo stati devastati dal non poter fare quel terzo film, è davvero difficile ottenere il via libera per un film con quattro donne protagoniste, anche quando sei un nome familiare in tutto il mondo.”

Amy Harris, scrittrice e produttrice della serie, ha espresso delusione per come Cattrall ha trattato Parker dopo la morte di suo fratello, definendo il post sui social media “incredibilmente ingiusto” e ha detto che non è in linea con quello che ha visto sul set . “Ho davvero tanta empatia per ciò che Kim stava attraversando, ma ho pensato che la sua scelta e quello che ha fatto fosse sbagliato”, ha detto Harris. “Non capisco perché l’abbia fatto perché qualunque fosse il passato, quelle erano quattro donne che tenevano l’una all’altra, e ho capito da dove provenisse la sua rabbia in termini di ciò che stava passando, ma non so perché abbia scelto di scagliarsi contro Sarah Jessica.”

La produttrice ha anche riflettuto sul motivo per cui Cattrall ha rifiutato di prendere parte a Sex and the City 3, ritenendo che fosse davvero stanca di interpretare Samantha Jones sullo schermo, il che è “una scelta assolutamente legittima”.

“Ciò che non trovo giusto è affermare che quella scelta dipendesse dal fatto che le altre persone fossero mostri, cosa che non erano”, ha detto Harris.

King ha aggiunto: “Le persone fanno cose, costruiscono roba basata su quello che vogliono dire a se stessi”, ha detto King. “Tutto quello che so è che la serie è stata spettacolare per tutti i soggetti coinvolti: è stata un successo pazzesco e devi lavorare molto duramente per far sì che la storia di Sex and the City sia qualcosa che non ti va bene, e per qualche motivo, Kim pensa che qualcosa che le è successo in quella serie le abbia fatto male.”

Cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti!

Fonte: Hollywood Reporter

Consigliati dalla redazione