A giugno Don Mancini, lo scrittore di La Bambola Assassina, ha lanciato qualche indizio che faceva supporre che fosse al lavoro su una serie televisiva basata sul celeberrimo franchise. Ora Mancini, i cui altri crediti comprendono Hannibal della NBC e Channel Zero di Syfy, si è lasciato sfuggire alcuni dettagli sul progetto, durante l’episodio più recente del podcast horror Post Mortem con Mick Garris.

“Avendo lavorato su Hannibal e Channel Zero… ho visto di nuovo l’opportunità di reinventare il franchise”, ha detto Mancini a Garris, i cui crediti di regia includono Psycho IV e l’imminente antologia horror Nightmare Cinema. “Una delle cose che ha tenuto in vita e fatto prosperare il franchise per così tanto tempo è che l’abbiamo reinventato in modi diversi, trasformandolo in una commedia e poi tornando all’orrore. Ma la pura trama narrativa di fare da otto a dieci episodi… ci permetterà di approfondire personaggi e relazioni in un modo che non ci viene mai concesso in soli 90 minuti di film. Questo è davvero eccitante per me. Saremo in grado di esplorare strade diverse con personaggi diversi che sono tra i preferiti dei fan. Molte volte le persone diranno: “Qual è il retroscena di Tiffany?” E “Che ne dici di Glen o Glenda?” Tutte queste diverse strade. Ora abbiamo un modo di esplorare tutto questo ed è davvero eccitante.”

Mancini ha anche descritto il suo entusiasmo nel lavorare con altri scrittori sulle sceneggiature di La Bambola Assassina.

“Una delle cose che ho davvero amato del lavoro in televisione è stato l’aspetto sociale”, ha detto. “Perché quando scrivi i film, è un compito solitario e talvolta straziante. Quando ho iniziato a lavorare su Hannibal, è stata la mia prima esperienza nella stanza degli scrittori. Ero tipo, ‘Aspetta un minuto, ogni giorno, entriamo in una stanza con un gruppo di altri fanatici dell’orrore che la pensano allo stesso modo, e parliamo di Hannibal tutto il giorno, e siamo pagati per questo?’ Non sembrava nemmeno di lavorare. E così, fare la stessa cosa con Chucky sembra davvero divertente, e sono molto entusiasta di invitare altri scrittori di grande talento a entrare nel progetto e vedere cosa porteranno in questa fase.”

Cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti!

Fonte: Entertainment Weekly

Consigliati dalla redazione