Legion si concluderà con gli episodi della terza stagione e il creatore del progetto Noah Hawley ha rivelato che non sarebbe riuscito a finire la storia di David Haller se FX non avesse ottenuto dalla 20th Century Fox la possibilità di far entrare in scena Charles Xavier/Professor X che verrà interpretato da Harry Lloyd (Game of Thrones).

Lo showrunner ha spiegato:

Lo studio ha decisamente il controllo di quella storia e di quei personaggi, e c’era una negoziazione che doveva essere portata avanti. Procedendo con la storia della terza stagione si è dovuto iniziarne a parlare ai livelli più alti perché non avrei potuto concludere la serie se non avessi potuto usare il personaggio.

I responsabili della 20th Century Fox hanno approvato la presenza del personaggio nelle puntate e così nella stagione ci sarà spazio per il racconto dello scontro tra Xavier e il mostro conosciuto anche in versione Amahl Farouk, con cui il professore si era confrontato perdendo una battaglia telepatica, sconfitta che lo aveva convinto ad allontanare il figlio David pur di mantenerlo al sicuro.

Hawley ha ricordato:

A un certo punto i suoi genitori hanno pensato che fosse in pericolo, quindi hanno rinunciato a lui, facendo crescere il figlio da altre persone. Non perché non lo volessero, ma per la sua sicurezza, senza rendersi conto che era già stato compromesso.

Nelle prossime puntate si approfondirà quindi il rapporto tra Xavier e l’entità malvagia e Noah ha raccontato che è stato possibile ottenere i diritti dell’icona del mondo degli X-Men perché la serie è distaccata dai fumetti e dagli alti progetti dedicati ai mutanti, concentrandosi sull’esperienza vissuta da David, elemento che non si collega in modo lineare a nessun adattamento cinematografico e televisivo realizzato fino a questo momento.

Che ne pensate? Lasciate un commento!

Legion tornerà sugli schermi di FX nel mese di giugno per concludere la storia del personaggio interpretato da Dan Stevens. Potete rimanere aggiornati sulla serie grazie ai contenuti pubblicati nella nostra scheda.

Fonte: Indiewire

Consigliati dalla redazione