La serie originale di Netflix Mindhunter, creata da David Fincher e Joe Penhall, tornerà quest’anno con la sua seconda stagione, eppure ancora non si hanno dettagli su ciò che vedremo nei nuovi episodi. Netflix si sta dimostrando estremamente prudente nei confronti della nuova stagione e non ha rivelato alcuna informazione ufficiale. Quello che i fan conoscono proviene da fonti vicine alla produzione (vedi la lista dei registi della seconda stagione). La stagione 2 di Mindhunter è talmente segreta che uno dei suoi attori più iconici, Cameron Britton, non può nemmeno confermare o negare il suo coinvolgimento nelle prossime puntate.

Parlando con RadioTimes mentre promuoveva il suo ruolo in The Umbrella Academy, Britton è stato piuttosto criptico quando è stato spinto a rispondere o meno sulla presenza del suo serial killer Ed Kemper nei nuovi episodi. “Netflix tira mi toglie i ricordi al riguardo”, ha risposto Britton. “Spero di esserci e non riesco a ricordare, è un punto cieco.”

Il ruolo di Ed Kemper è valso a Britton una nomination agli Emmy come miglior attore ospite in una serie drammatica. L’attore è apparso in tre episodi della stagione, ma il suo lavoro ha reso Kemper uno dei personaggi più riconoscibili della serie. Il personaggio è un vero serial killer e necrofilo degli anni ’70 che ha assassinato i nonni, la madre e altre sette persone.

La prima stagione di Mindhunter si è conclusa con un incontro carico di tensione tra Kemper e l’agente dell’FBI Holden Ford (Jonathan Groff). Kemper dice a Ford che potrebbe ucciderlo se lo volesse, cosa che porta Ford a un attacco di panico nel corridoio dell’FBI. Con Kemper ancora sotto custodia dell’FBI, molti fan hanno sospettato che il personaggio sarebbe apparso in qualche modo nella seconda stagione, anche se lo show si sarebbe spostato su altri famosi serial killer.

La nuova stagione di Mindhunter coprirà gli omicidi di Atlanta Child. La follia omicida, che ebbe luogo tra il 1979 e il 1981, provocò 28 morti. Tutte le vittime erano afro-americane. Molti degli omicidi rimangono irrisolti ancora oggi. Inoltre, un articolo di Collider dell’agosto 2018 dice che la stagione coinvolgerà il caso Charles Manson. L’attore australiano Damon Herriman interpreterà l’iconico serial killer dopo aver ricoperto lo stesso ruolo in C’era una volta a Hollywood di Quentin Tarantino.

La seconda stagione di “Mindhunter” farà il suo debutto su Netflix nel 2019.

Fonte: IndieWire