Steve Blackman, showrunner di The Umbrella Academy, ha rilasciato una lunga intervista a Entertainment Weekly nella quale ha parlato della prima stagione, del suo finale e del futuro dello show. L’articolo contiene spoiler sull’intera stagione.

Innanzitutto si parte proprio dalla chiusura della stagione e dal cliffhanger. La Terra viene distrutta da un cataclisma causato indirettamente da Vanya:

Sì, finisce in modo terribile. Quello che volevo davvero era trovare un buon cliffhanger. Ho anche pensato che fosse troppo facile per questa famiglia riunirsi in otto giorni e salvare il mondo. Doveva essere più complicato di così. Volevo un finale dove si riunissero come una famiglia, ma non raggiunsero l’obiettivo più grande, che era quello di salvare il mondo. Se avremo una seconda stagione, vedremo come finirà. Questi ragazzi non sono morti, ma non sappiamo cosa succede. Pensavo che dicesse molto su che tipo di famiglia fosse questa, sul fatto che faticavano a stare insieme. La loro famiglia è meravigliosamente disfunzionale, ma non è riuscita a vincere.

A proposito del percorso del personaggio di Vanya, interpretato da Ellen Page:

Ne ho parlato da subito con Ellen. Abbiamo deciso di giocarci tutto dall’inizio alla fine. Ellen ha fatto delle scelte molto creative e delle scelte di recitazione nell’episodio 1 per mostrare tutta la metamorfosi che avviene nell’episodio 10. Come se lei passasse da avere meno a più trucco, il modo in cui inizia a curare i suoi capelli mentre questa relazione con Leonard Peabody (John Magaro) aumenta e lei inizia a sentirsi più in controllo della propria vita. Fino alla fine del gioco, dove è stata sovrastata da abilità che non sapeva nemmeno di avere. Quindi abbiamo parlato molto con Ellen sul modo di interpretare una piena metamorfosi nel vero senso della parola, passando dalla luce al buio o dal buio alla luce, qualunque sia il modo in cui la vedi.

Sul misterioso personaggio di Sir Reginald Hargreeves:

C’è dell’altro su Hargreeves, non è solo un cattivo. C’è molto di più in questo personaggio che vedremo se otterremo più stagioni. Per quanto riguarda Vanya, lui l’ha frenata, le ha dato delle medicine, le ha detto che non era nessuno e ciò è divenuto una profezia che si autoavvera. Lei ha vissuto credendo che di non essere speciale, e questo è stato molto dannoso. Alla fine, aprirsi così l’ha travolta.

Sull’episodio 6, che gioca con i viaggi nel tempo:

Voglio che la serie venga vista con fiducia dagli spettatori, ma in un mondo in cui esiste un ragazzo come Five, c’è un paradosso in cui si può tornare indietro e resettare un giorno. “The Day That Was” e “The Day That Was not” sono i due episodi. Ho pensato che fosse un modo davvero bello per mostrare come ognuna delle nostre azioni ha delle conseguenze. Per quanto minori possano sembrare le scelte, avere un’altra possibilità e girare a sinistra anziché a destra o dire qualcosa di diverso potrebbe cambiare il corso della tua vita. Ad esempio, Luther e Allison non sapranno mai che quel bacio è accaduto. Potrebbe essere tortuoso per il pubblico, ma spero che lo prendano per ciò che vale. È divertente narrare storie per mostrare loro che questo è il mondo in cui vivono questi personaggi. Non è stato fatto per torturare il pubblico. Volevo che fosse qualcosa di divertente e stravagante in modo da poter capire perché l’abbiamo fatto, perché è solo pura narrazione nella mia mente. Racconta una bella storia su ciò che Five sta attraversando, sul fatto che poi torna al giorno prima per poter essere in grado di dire: “non ce ne andremo in giro da soli, oggi ci riuniremo come famiglia e faremo le cose giuste”. E questo cambia tutti quei momenti che hanno avuto insieme. Potrebbero essere i miei episodi preferiti. Erano difficili da scrivere e da tirare fuori, ma sono davvero orgoglioso di questi due episodi.

Sulla scena nell’al di là di Klaus, girata in bianco e nero:

Se non avessimo colorato la sua maglietta, sarebbe stato come in Roma (il film, ndr), vero? È una buona osservazione. Volevo mantenere la maglietta a colori, il che era costoso perché dovevamo farlo in ogni fotogramma. Ma volevo che sembrasse un fumetto, con un po’ di colore su uno sfondo bianco. La mia scena preferita nell’intero show penso sia quella in cui Hargreeves rade Klaus. È solo un momento meraviglioso in cui può parlare con suo padre che è morto, e il fatto che stia facendo una rasatura è così strano e inquietante. A proposito, non ho detto che era il paradiso! Quindi potrebbe essere o non essere il paradiso.

The Umbrella Academy è ispirato all’omonima graphic novel vincitrice dell’Eisner Award e creata da Gerard Way, il frontman dei My Chemical Romance.

Al centro delle storie c’è una famiglia disfunzionale di supereroi conosciuta con il nome di Umbrella Academy: Luther (Tom Hopper), Diego (David Castañeda), Allison (Emmy Raver-Lampman), Vanya (Ellen Page), Klaus (Robert Sheehan) e Numero Cinque (Aidan Gallagher). I giovani dovranno unire le forze per indagare sulla misteriosa morte del padre, mettendo da parte le proprie divergenze personali e sfruttando i propri poteri. Kate Walsh avrà il ruolo di The Handler, la leader composta e sicura di una misteriosa organizzazione governativa.

Cosa ne pensate? Lasciate un commento!

Fonte: EW

Consigliati dalla redazione