Manca poco al ritorno di Agents of S.H.I.E.L.D. La serie Marvel tornerà sulla ABC il prossimo maggio, e Clark Gregg – che avrà un ruolo misterioso nei nuovi episodi – ha rilasciato alcune dichiarazioni sulle puntate inedite.

L’attore ha parlato per prima cosa dell’universo Marvel e del rapporto tra le divisioni cinematografiche e televisive:

Penso che durante i primi tempi si trattasse di un vero esperimento e, onestamente, la Marvel era davvero una sola grande azienda, cosa che ora non è. Penso che ci siano ora davvero due divisioni separate e all’epoca c’era un forte desiderio di fare molta attenzione su ciò che stavamo facendo con i film. Come sapete, alla fine della prima stagione con la rivelazione dell’Hydra in Captain America: Winter Soldier, il nostro show è finito sottosopra.

Ma penso che lo show abbia iniziato a trovare davvero il suo giusto ritmo quando i nostri sceneggiatori hanno detto: “Eh, fan**lo. Prenderemo quello che possiamo ottenere e ci sono un sacco di cose che il Marvel Studios non sembra usare. Non sembrano usare L.M.D., non sembrano usare Ghost Rider o il Framework. All’inizio non credevamo che avremmo fatto Secret Warriors, ma poi è diventato chiaro: “oh, quella è Quake”. Hanno “ingannevolmente” preso delle parti dell’universo Marvel – che è comunque ampio – a cui nessuno sembrava essere interessato, e abbiamo spremuto ogni goccia da quelle cose e davvero lasciato che il nostro treno andasse sui propri binari.

A proposito dei nuovi eventi:

Coulson è andato a Tahiti con l’agente May alla fine della quinta stagione senza avere più molto tempo a disposizione, ed è stata una cosa molto commovente e triste. Pensavamo che fosse finita. Poi ci hanno confermati per altre due stagioni, e ad un certo punto mi hanno chiesto di dirigere un episodio, e mi hanno fatto sedere per spiegarmi un po’ di cose su questa stagione. Una delle cose che stiamo esplorando è un’idea che, mentre metà della squadra è nello spazio cercando di trovare Leo Fitz, ancora congelato in questa timeline, l’altra metà della squadra è in lutto e sta cercando di rimettere insieme lo  S.H.I.E.L.D., e avere l’agente MacKenzie a capo è interessante, perché Henry Simmons (l’interprete del personaggio, ndr) è così straordinario.

E poi c’è una strana anomalia che si verifica come una spaccatura molto minacciosa. Ci sono queste persone, umanoidi che appaiono nei filmati, e uno di loro assomiglia molto a Coulson. È cattivo, è pericoloso e terrificante. È una persona diversa ed è difficile per tutti affrontare questa cosa, soprattutto per May e Daisy.

La sinossi della stagione:

La sesta stagione vedrà gli Agenti in azione in un clima post Phil Coulson, con la metà del team sotto la supervisione del direttore Mack che sta aiutando ad affrontare le minacce sulla Terra mentre l’altra metà della squadra è nello spazio profondo alla ricerca di Fitz, ancora congelato. Tuttavia, il team dovrà affrontare una grande sorpresa con l’arrivo di un personaggio che ha lo stesso volto di Phil Coulson, e il mistero dietro al perché questo nemico sia uguale al loro vecchio amico sarà una delle storyline principali dell’imminente stagione.

Cosa ne pensate? Lasciate un commento!

Potete rimanere aggiornati sulle prossime puntate della serie grazie alla nostra scheda.

Fonte: io9

Consigliati dalla redazione