Parlando di Game of Thrones, sembra passato davvero parecchio tempo dalla “morte” di Jon Snow, rianimato poi da una spettrale magia di Melisandre. Riferendosi a quel periodo, l’interprete Kit Harington dice che tutti insieme abbiamo reso l’anno tra la sua morte e la sua resurrezione un vero inferno per lui. “Non è stato un periodo molto bello nella mia vita”, ha detto Harington a Variety.

“Sapevo di dovermi sentire di essere la persona più fortunata del mondo, quando in realtà mi sentivo molto vulnerabile. È stato un periodo incerto nella mia vita – come penso che accada a molte persone tra i venti e i trent’anni. È stato un periodo in cui ho iniziato la terapia e ho iniziato a parlare con le persone. Mi ero sentito molto a rischio, e non stavo parlando con nessuno. Dovevo sentirmi molto grato per quello che avevo, ma ero incredibilmente preoccupato di poter rovinare tutto.” Harington ha descritto il cliffhanger come il suo “periodo più buio” nello show e “fottutamente terrificante”, reso peggiore dallo straordinario successo di Game of Thrones.

“Le persone ti urlano per strada, ‘Sei morto?’ e devi mantenere lo stesso aspetto”, ha aggiunto Harington. “Tutte le tue nevrosi – e sono nevrotico come qualsiasi altro attore – aumentano con quel livello di concentrazione.” Fortunatamente per lui, Harington si avvicina come gli altri interpreti alla fine del proprio percorso in Game of Thrones, dato che la serie si concluderà con l’ottava stagione che debutterà il prossimo 14 aprile.

Cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti!

Fonte: Vulture

Consigliati dalla redazione