Per la prima volta, i contenuti diffusi da Netflix negli Stati Uniti sono stati per in maggioranza originali. A svelarlo è stato un report condotto da Ampere Analysis che ha valutato la distribuzione di contenuti sulla piattaforma per il mercato americano nello scorso anno. Il risultato vede il 51% di contenuti originali, mentre la restante parte è formata da contenuti ottenuti in licenza.

Si tratta di un primo, importante passo verso quello che è l’obiettivo della compagnia, cioè il raggiungimento dell’indipendenza rispetto a prodotti terzi. Va tuttavia specificato che in questo elenco ricadono i prodotti realizzati interamente da Netflix ma anche le co-produzioni che vedono la compagnia lavorare con studi come la Sony (nel caso di The Crown ad esempio).

Considerato poi l’intero catalogo presente sulla piattaforma, nonostante le nuove uscite solo l’11% dei titoli sono programmi originali. Rimane una cifra bassa, ma è quasi il triplo rispetto al 4% del 2016. E, viene da sé, si tratta comunque di cifre più alte rispetto a quelle di altre piattaforme concorrenti, come Amazon o Hulu. 

Cosa ne pensate? Lasciate un commento!

Fonte: SF

Consigliati dalla redazione