Sebbene la trama di Stranger Things abbia offerto al pubblico svariati momenti di terrore e, perché no, anche di malinconia, sul set sembra regnare un clima ben meno cupo di quello visibile negli episodi della serie Netflix. Uno degli aspetti negativi del divertimento sperimentato in prima persona dal cast è che ridere, a volte, può rovinare una scena drammatica, e alcuni degli attori della serie hanno recentemente confermato – durante il panel di Stranger Things all’Emerald City Comic Con di Seattle – che è Charlie Heaton, interprete di Jonathan Byers, a rovinare il maggior numero di sequenze a causa delle risate.

“Charlie Heaton, una volta e per sempre, è la persona che inizia a ridere per primo. Ci sono state scene in cui David Harbour ha dovuto dire, ‘Okay, dobbiamo tagliare, ragazzi; Charlie, vai nell’altra stanza,'” ha rivelato il protagonista Finn Wolfhard (Mike Wheeler) durante il panel.

“Charlie deve di smettere di ridere”, ha aggiunto Gaten Matarazzo, che nella serie ha il ruolo di Dustin. “E se Charlie non ci riusciva, gli veniva detto di uscire dalla stanza, gli veniva detto di andarsene, perché, una volta che inizia a ridere, [Caleb McLaughlin] inizia a ridere”.

Lo stesso McLaughlin, interprete di Lucas, ha ammesso la colpa: “Sì, sono la seconda persona a ridere; non so perché ma, in ogni scena di gruppo, Charlie è accanto a me e quando stiamo girando, Charlie è come se fosse dietro di me. Di solito mi giro e c’è lui che sta [cercando di coprire le sue risate].”

Mentre alcuni interpreti potrebbero sentirsi frustrati dalla presenza di un attore che rovina così tante riprese, sembra che sul set di Stranger Things la cosa venga vissuta con grande serenità, divenendo occasione per la condivisione di momenti allegri. Matarazzo ha aggiunto: “Si gira e, se non si è girato, fa direttamente contatto visivo con la persona di cui sta ridendo”.

I fan potranno vedere le scene che non sono state rovinate da Heaton quando la terza stagione di Stranger Things debutterà su Netflix, il prossimo 4 luglio.

Fonte: Comicbook.com

Consigliati dalla redazione