Neil Gaiman ha confermato che apparirà con un cameo in Good Omens – Buona apocalisse a tutti!, la serie di Amazon Prime Video.

Lo scrittore, rispondendo alle domande dei fan su Twitter, ha anticipato:

Nel quarto episodio tenete gli occhi aperti per una scena ambientata in un piccolo cinema in cui Crowley sta guardando un film animato sui conigli. Non solo mi vedrete privo di sensi e ubriaco tra gli spettatori, ma tutte le voci dei conigli sono le mie!.

Neil ha inoltre rivelato come verrà reso omaggio al suo amico e collega Terry Pratchett:

Il cappello di Terry è appeso nel negozio di libri di Aziraphale (Michael Sheen), insieme alla sua sciarpa. Li abbiamo appesi lì in modo che Terry fosse sempre presente.

Nel cast dei sei episodi della serie ci saranno David Tennant, Michael Sheen, Jon Hamm, Jack Whitehall, Michael McKean, Adria Arjona, Nina Sosanya, Ned Dennehy e Ariyon Bakare. Frances McDormand presterà invece la voce a Dio, mentre Benedict Cumberbatch sarà la voce di Satana.

Questa la sinossi ufficiale diffusa da Amazon Prime Video:

Secondo il “The Nice and Accurate Prophecies” di Agnes Nutter, la Strega, (il solo libro di profezie al mondo accurato e completo), il mondo finirà un Sabato. Il prossimo Sabato, in realtà. Proprio prima di cena. Così, le armate del Bene e del Male si stanno organizzando, Atlantis sta insorgendo, i temperamenti infiammano. Sembra che tutto stia andando secondo i Piani Divini. Eccetto Aziraphale, un angelo un po’ viziato, e Crowley, un demone dissoluto ai quali non interessa della guerra imminente – entrambi infatti hanno vissuto sulla Terra tra i mortali dall’Inizio dei Tempi e si sono affezionati a quello stile di vita. E qualcuno sembra aver smarrito l’Anticristo.

Co-prodotto da BBC Studios, Narrativia e Blank Corporation, lo show Good Omens (Buona Apocalisse a tutti!) verrà scritto dallo stesso Gaiman, che sarà anche produttore esecutivo e showrunner. La regia è stata affidata al regista Douglas Mackinnon. Dopo il lancio su Amazon Video il 31 maggio, la serie andrà in onda nel 2019 sulla BBC nel Regno Unito.

Cosa ne pensate? Lasciate un commento!

Fonte: RadioTimes

Consigliati dalla redazione