Non sappiamo ancora molto del film di Breaking Bad, che secondo quanto riferito è un seguito degli eventi della serie originale. Tuttavia, con una certa delusione per buona parte dei fan, il figlio del protagonista Walter White, alias Flynn, non sarà presente nel sequel cinematografico. Questo, almeno, è quanto afferma l’attore RJ Mitte, che dice di non essere “parte del film”. È un peccato, perché Mitte immaginava un futuro per Flynn in cui il personaggio entrasse a far parte della DEA e si impegnasse a scoprire cosa fosse successo a suo zio Hank.

“Walt sfugge alla cattura, Jesse è tornato da Walt dopo la sparatoria, Walt e Jesse scompaiono per cinque anni, e Walt Jr. vive ancora con sua sorella”, ha detto Mitte a TheWrap, condividendo anche il suo coinvolgimento come membro dell’Easterseals Disability Film Challenge. “Allora Walt Jr. si unisce praticamente alla DEA e inizia a dare la caccia a suo padre. In un certo senso riprende il ruolo di Hank laddove Hank lo aveva lasciato. La mia idea è che stia cercando di indagare per scoprire cosa è successo a Hank e correre dietro a Jesse e Walt.”

La star dello show, Bryan Cranston, ha ribadito che Walter White è ormai defunto, ma non è chiaro se Flynn lo sappia. Le cose sono finite male tra il ragazzo e i suoi genitori, con Flynn che si è rifiutato di chiamarsi Walt Jr. dopo aver appreso dei segreti criminali del padre, accusando la madre Skyler di essere altrettanto cattiva per il suo coinvolgimento nel riciclaggio di denaro sporco. Inoltre, Flynn è l’unico personaggio principale dello show che non ha mai incontrato Jesse Pinkman (Aaron Paul).

Proprio Jesse dovrebbe essere al centro del sequel cinematografico, annunciato l’anno scorso dal creatore della serie Vince Gilligan. Mitte, come il suo personaggio, ha una paralisi cerebrale e ha ottenuto il ruolo in Breaking Bad quando aveva solo 13 anni. Anche se insiste nel dire che non è coinvolto e non sa nulla al di là di ciò che è stato riferito, è ben disposto a far parte della squadra qualora glielo chiedessero.

“Ovviamente sarei interessato a farne parte. Mi manca essere parte di un lavoro così gratificante”, ha detto Mitte. “È stata una parte iconica della mia vita. Ho iniziato questa serie quando avevo 13 anni e l’ho finita quando ne avevo 20, e quella è stata la mia intera carriera, quella è stata la mia intera esistenza per quei 7 anni, e mi manca quella famiglia. Mi mancano quelle persone. Sarebbe bello farne parte.”

Cosa ne pensate? Vorreste vedere Flynn nel sequel di Breaking Bad? Fatecelo sapere nei commenti qui sotto!

Fonte: The Wrap

Consigliati dalla redazione