Fox ha annunciato le serie di cui ha ordinato la produzione in vista della stagione 2019-20 e che debutteranno nella programmazione midseason oltre al già annunciato 9-1-1: Lone Star.
Ecco i dettagli:
Deputy è stato creato e prodotto da Will Beal e vedrà impegnato alla regia David Ayer. Il progetto unisce lo spirito di un western classico ai comportamenti moderni e alla narrazione guidata dalle emozioni. Al centro della storia ci sarà un gruppo di individui determinati a fare giustizia. La storia prenderà il via quando lo sceriffo della contea di Los Angeles perde la vita e per un regolamento del passato, ideato durante l’epoca del Wild West, alla guida si ritrova l’uomo meno adatto al lavoro, ovvero Bill Hollister (Stephen Dorff), interessato solo alla giustizia e che non lascia scampo ai cattivi e ai politici.
Nel team guidato da Bill ci saranno poi Cade Ward (Brian Van Holt), un ex marine che è stato in missione in Afghanistan e ora è da otto anni sobrio; Rachel Delgado (Siena Goines), partner di Walker e agente meticolosa che si ritrova alle prese con un brutto divorzio; Breanna Bishop (Bex Taylor-Klaus), sarcastica, intelligente e responsabile della sicurezza di Bill e Joseph Blair (Shane Paul McGhie). Bill deve inoltre affrontare spesso la dottoressa Paule Reyes (Yara Martinez), il primario di chirurgia che è anche sua moglie. L’uomo, alle prese con un lavoro che non ha mai voluto e senza conoscere il mondo della politica, deve presto imparare come comportarsi.

Filthy Rich è una serie drammatica ideata da Tate Taylor in cui si racconterà la storia della famiglia Monreaux, che ha creato il network televisivo cristiano di maggior successo degli Stati Uniti. Quando il patriarca Eugene (Gerald McRaney) sembra morire in un incidente aereo, Margaret (Kim Cattrall), una star della tv in stile Oprah Winfrey tra i religiosi del sud, si occupa degli affari di famiglia. Eric (Corey Cott) pensa di poter gestire la situazione, mentre Rose (Aubrey Dollar) è una stilista che cerca sempre di allontanarsi dall’ombra della madre. I Monreaux scoprono poi che Eugene ha avuto tre figli illegittimi che sono citati nel suo testamento: Ginger (Melia Kreiling), la figlia di una cameriera la cui vita è stata quasi distrutta dal rifiuto di Eugene; Antonio (Benjamin Levy Aguilar), padre single e pugile del Queens, e Jason (Mark L. Young), la cui vita non è quella che sembra. La serie si basa su un format della Nuova Zelanda e rappresenterà un mondo in cui tutti hanno delle motivazioni nascoste e nessuno vuole uscire di scena senza lottare.

neXt è creato e prodotto da Manny Coto e dai registi John Requa e Glenn Ficarra. Il progetto racconta quello che accade quando Paul LeBlanc (John Slattery) costruisce un impero economico sviluppando le innovazioni che ha sempre sognato, ignorando e alienando le persone intorno a lui, tra cui la sua stessa figlia Abby (Elizabeth Cappuccino) e il fratello minore Ted (Jason Butler Harner), che ora gestisce la società di Paul. Dopo aver scoperto che una delle sue creazioni, una potente intelligenza artificiale chiamata neXt potrebbe distruggere l’umanità, Paul cerca di chiudere il progetto, venendo però escluso dalla propria società dal fratello e ritrovandosi a dover lottare per il destino del mondo collaborando con l’agente speciale Shea Salazar (Fernanda Andrade).
Le regole morali di Shea – fugguta da un mondo di crimini, povertà e da un padre assassino – e il suo senso del dovere le hanno fatto guadagnare il rispetto del suo team, un gruppo di talento ma complicato unito dalla sua fede nelle loro capacità nel superare le aspettative e andare oltre le proprie differenze. Nella squadra ci sono Gina (Eve Harlow), che si occupa di cybercrimini; Ben (Aaron Moten), un gran lavoratore che è noioso al punto di risultare interessante; e CM (Michael Mosley), un ex hacker con un quoziente intellettivo da genio. Le esigenze professionali hanno avuto delle conseguenze sulla vita privata di Shea e Owen (Evan Whitten), il suo figlio minore, è stato cresciuto prevalentemente dal padre TY (Gerardo Celasco), un ex alcolista. LeBlanc e Salazar sono gli unici che potrebbero evitare una catastrofe globale e lottano contro una super-intelligenza che utilizzerà la sua immensa conoscenza ottenuta attingendo ai dati di tutto il mondo per reclutare alleati, mettere le persone una contro l’altra ed eliminare gli ostacoli alla propria sopravvivenza e crescita.

Che ne pensate? Lasciate un commento!

Fonte: Variety

Consigliati dalla redazione