A partire dal suo debutto avvenuto nel 2017, Tredici ha affrontato tematiche quali il suicidio adolescenziale, il bullismo, la guida in stato di ebbrezza e lo stupro; da allora, alcuni esperti di salute mentale hanno teorizzato che la serie Netflix possa comportare rischi per la salute di alcuni giovani, specialmente quelli con pensieri suicidi. Ora, un nuovo studio finanziato dal National Institutes of Health suggerisce che tali preoccupazioni potevano essere giustificate.

I ricercatori del Nationwide Children’s Hospital hanno scoperto che, nel mese successivo al debutto della serie del marzo 2017, i suicidi sono aumentati del 28% tra i ragazzi di età compresa tra i 10 e i 17 anni, il tasso più alto nel periodo di studio di cinque anni in questa fascia di età. I nove mesi dopo il rilascio dello show hanno visto 195 morti in più per suicidio in questa fascia di età, più del previsto date le tendenze storiche.

I ricercatori hanno sottolineato che lo studio non potrebbe dimostrare la causa del picco del suicidio, dicendo che un terzo fattore sconosciuto potrebbe essere stato responsabile dell’aumento. Tuttavia, citando la forte correlazione, hanno messo in guardia contro l’esposizione di bambini e adolescenti alla serie.

“Pochi credono che questo tipo di esposizione mediatica porterà i bambini che non sono depressi al suicidio”, ha detto l’autore principale Victor Hong, direttore medico dei servizi di emergenza psichiatrici presso l’Università del Michigan. “La preoccupazione riguarda il modo in cui ciò potrebbe avere un impatto negativo sui giovani che stanno già barcollando”.

Netflix non pubblica i dati delle visualizzazioni, quindi non è noto quante persone effettivamente guardino Tredici.

“Questo è un argomento di fondamentale importanza e abbiamo lavorato duramente per dimostrare che gestiamo questo delicato problema in modo responsabile”, ha detto un portavoce di Netflix in risposta all’ultimo studio. La rete internet ha anche osservato come queste ricerche siano in conflitto con lo studio della scorsa settimana dell’Università della Pennsylvania, che ha rilevato che gli studenti che hanno seguito l’intera seconda stagione avevano meno probabilità di ferirsi intenzionalmente o prendere seriamente in considerazione il suicidio.

Netflix ha anche ricordato che la serie contiene un messaggio da parte del cast che compare all’inizio delle due stagioni, e singole informazioni legate a episodi specifici che indirizzano al sito 13ReasonsWhy.info. Inoltre, Netflix offre controlli parentali che consentono ai membri di designare un codice PIN per accedere a uno specifico programma televisivo o film. Questo il messaggio posto da Netflix all’inizio della serie:

Tredici è una serie di finzione che affronta tematiche difficili e reali, dando uno sguardo alle aggressioni sessuali, all’abuso di sostanze stupefacenti, al suicidio e altro ancora. Facendo luce su questi argomenti difficili, ci auguriamo che il nostro show possa aiutare gli spettatori a iniziare un dibattito. Ma se state lottando da soli con questi problemi, questa serie potrebbe non essere adatta a voi o potreste volerla guardare con un adulto fidato. E se mai aveste bisogno di qualcuno con cui parlare, contattate un genitore, un amico, un consulente scolastico o un adulto di cui vi fidiate, chiamate un servizio di assistenza locale o andate su 13reasonswhy.info. Perché nel momento in cui iniziate a parlarne, diventa più facile.”

Che ne pensate? Lasciate un commento!

Potete rimanere aggiornati su Tredici grazie alla nostra scheda.

Fonte: Deadline

Consigliati dalla redazione