Amazon si è ufficialmente accaparrata la prossima serie drama della BBC ideata da Steve McQueen, il regista di 12 Anni Schiavo e Shame.

La rivelazione è stata fatta da Georgia Brown, il direttore dei contenuti originali europei del servizio on demand, durante il dibattito per il comitato per le comunicazioni alla Camera dei Lord sul futuro del servizio pubblico broadcast nel Regno Unito. La Brown ha inoltre svelato che la serie è chiamata Small Axe.

Non è ancora chiaro quali territori siano coperti dall’accordo di Amazon per la serie – che sarà composta da sei episodi – ma l’ex dirigente di Fremantle ha rivelato che il servizio streaming ha iniziato a produrre il progetto commissionato dalla BBC ad agosto 2015. La Brown ha inoltre aggiunto che la serie “è in arrivo nei prossimi mesi”.

Lo show, che sarà prodotto dalla Rainmark Films, racconterà le vite di un gruppo di amici e dei loro familiari che vivono nella zona ovest di Londra in un arco narrativo che va tra il 1968 e il 2014. Il regista e sceneggiatore premio Oscar ha parlato di una serie che racconterà la storia di una comunità proveniente dall’India Occidentale che vive nel cuore di Londra attraverso i decenni, a partire dal momento in cui Enoch Powell fece il suo più celebre discorso “fiumi di sangue” (Rivers of Blood speech) pronunciato il 20 aprile del 1968 al Midland Hotel di Birmingham. 

Tutto avrà inizio nel 1968, in un piccolo ristorante chiamato The Mangrove situato a Ladbroke Grove che diventa un luogo di incontro per la comunità e, nel corso del tempo, un punto cruciale per la resistenza.

Tracey Scoffield ha prodotto il progetto insieme a David Tanner che è stato commissiona dal capo dei contenuti della BBC Charlotte Moore e da Polly Hill.

Nel 2015, McQueen disse: “Queste storie sono appassionate, personali e uniche. Sono testimonianza della vita vera e devono essere urgentemente raccontate. Si tratta di un eredità che non solo ha reso possibile la mia vita come artista, ma che ha anche formato la Gran Bretagna in cui viviamo oggi”.

Fonte: Deadline

Consigliati dalla redazione