Per il primo episodio della quinta stagione di Black Mirror, intitolato Striking Vipers, è stato scelto come protagonista Anthony Mackie, il Falcon dell’universo Marvel. Insieme a Yahya Abdul-Mateen II, l’attore è protagonista di una singolare storia d’amore ambientata dentro un videogioco. Charlie Brooker, creatore della serie, ha rilasciato un’intervista sulla puntata insieme alla produttrice Annabel Jones.

Innanzitutto, Charlie, quanto eri fiero quando hai scritto la frase “Mi sono sc***to un orso polare e non riesco ancora a toglierti dalla mia testa”.

Ad un certo punto stavo pensando di toglierla! In un certo senso, è una bella dichiarazione di amore eterno. E riesce a superare anche The National Anthem,  in cui avevamo il primo ministro con un maiale. Questo è Yahya con un orso polare… A volte una critica che riceviamo – e a volte penso che sia una critica giusta – è che lo show si prende troppo sul serio. “Striking Vipers” è un dramma commovente e agrodolce, ma c’è dell’umorismo intrinseco in ciò che sta accadendo. È una situazione imbarazzante e fantastica quella in cui si trovano. Quindi quella linea di dialogo era praticamente irrinunciabile.

Quale è stata l’ispirazione per la puntata? Stavi giocando a Street Fighter e all’improvviso hai pensato: “Wow, questa ninja è davvero carina”?

Hai quasi ragione. I personaggi di quei giochi sono incredibilmente sessualizzati. Quando si confrontano effettivamente le caratteristiche fisiche dei personaggi di quei giochi con gli esseri umani reali, si capisce che sono assurde. È come avere un Hulk sessualizzato. Ancora una volta, l’episodio è venuto fuori da due pensieri. Il primo era che volevamo fare una storia in cui due persone si trovavano in un ambiente virtuale e avevano una storia d’amore ma non sapevano chi fosse l’altra. E poi mi sono ricordato di quando, negli anni ’90, giocavo a Tekken sulla PlayStation. E i miei coinquilini e io ci giocavamo a tutte le ore del giorno e della notte. E ricordo di aver pensato che le persone al di sotto e al di sopra del nostro appartamento dovevano aver pensato che stavamo operando in una sorta di dungeon sadomaso a causa del rumore costante degli uomini [che emettevano urla e grugniti]. E ho pensato che ci fosse qualcosa di omoerotico in questa arena in cui fisicamente ti trovi alle prese con i tuoi amici sullo schermo. C’è qualcosa di stranamente primitivo in tutto ciò.

Come hanno risposto i due attori quando sono stati contattati?

Annabel Jones: Anthony è un attore così grande, eppure dato che ha questo fisico spesso viene inserito in ruoli da soldato. Ha trovato interessante potersi allontanare da quello e interpretare un uomo più in là con gli anni che non aveva la stessa virilità e fisicità della sua giovinezza, ma anche la possibilità di entrare in un mondo di realtà virtuale dove c’è una grande fluidità sessuale e ci si pone domande sul proprio genere. Possiamo dire che sta avendo una relazione extraconiugale con una donna quando, in realtà, la persona è il suo amico e un uomo? Anthony ha un grande senso dell’umorismo e ne è rimasto affascinato.

E Yahya allo stesso modo. (…) È coraggioso per un attore interpretare un personaggio con una sessualità così indefinita. Qual è la loro relazione? Non stanno avendo una relazione omosessuale o sono loro? C’è un inebriante mix di cose che accadono: il cameratismo, l’amicizia e il desiderio di giovinezza, e anche la sessualità. E c’è la realizzazione delle proprie fantasie con un amico. E uno dei temi del film è chiedere: quand’è che il porno diventa così sofisticato da diventare un inganno e non solo una distrazione?

Come interpreti il finale, in modo positivo o negativo? 

Penso che sia un finale pragmaticamente romantico. Una volta all’anno lui riceve un lasciapassare gratuito per entrare nel gioco mentre lei può indulgere alla sua fantasia – e la sua probabilmente mette a repentaglio la relazione dal momento che è nel mondo reale, o presumiamo che lo sia. C’è molta fiducia lì. Si stanno concedendo un giorno per indulgere alle loro fantasie egoistiche in cambio di altri 364 giorni di unione e fedeltà e stanno facendo crescere una famiglia. C’è un tema sottinteso nel modo in cui lui non comunica direttamente con la moglie e non condivide cose con lei, e questo è forse il motivo per cui l’intera situazione è venuta fuori. Quindi, alla fine, la loro relazione diventa molto più sana perché discutono dei loro desideri e bisogni. Ovviamente non è una soluzione valida per tutti.

Black Mirror è una serie antologica che attinge al disagio collettivo nei confronti del mondo moderno. Ogni episodio è una storia a sé, provocatoria e carica di suspense, su temi che riguardano la tecno-paranoia contemporanea. Senza ombra di dubbio, la tecnologia ha trasformato tutti gli aspetti della nostra vita. In ogni abitazione, su ogni scrivania, in ogni mano c’è uno schermo al plasma, un monitor o uno smartphone: uno specchio nero, un “black mirror” su cui si riflette la nostra esistenza nel XXI secolo. La serie è creata e scritta da Charlie Brooker, mentre lo stesso Brooker e Annabel Jones ne sono i produttori esecutivi.

Potete rimanere aggiornati sulla serie di Charlie Brooker grazie ai contenuti pubblicati nella nostra scheda.

Cosa ne pensate? Lasciate un commento!

Fonte: EW

Consigliati dalla redazione