Nel bene e nel male, purché se ne parli, diceva qualcuno. E di questo ennesimo Grande Fratello se n’è parlato davvero tanto. Un’edizione fortunata, e per noi cultori del trash, di sicuro una deliziosa fonte di ispirazione. Va subito detto che senza Francesca De Andrè non sarebbe stata la stessa cosa, alla fine la vera protagonista del reality è stata lei, solo lei è stata in grado di fornire, da sola, tanto di quel materiale da poterci scrivere un’intera enciclopedia delle brutte maniere. In fondo tutti gli altri concorrenti, compresa l’anonima vincitrice Martina, sono stati solo dei pallidi comprimari al cospetto di questa esplosiva figlia e nipote d’arte che aveva raggiunto e mantenuto fino ad ora la popolarità televisiva solo grazie al suo celebre cognome.

D’ora in poi invece sarà ricordata per le sue sceneggiate, le sue grida, i suoi isterismi, le furibonde liti e le sue intricate storiacce sentimentali. La finalissima del Grande Fratello è stata ancora una volta la “sua” serata. Francesca ha il potere di farci dimenticare in un attimo l’agghiacciante sigla speciale di apertura del programma con Barbara D’Urso prima in versione Freddie Mercury e poi versione Spice Girl, non appena si apre il collegamento con la casa e lei appare lì sul divano vestita come una bomboniera, già pronta con le unghie affilate per il primo scontro. La lite con Taylor Mega, che per qualche giorno è stata ospite vip della casa, può tranquillamente entrare di diritto nella top ten delle cose più squallide viste negli ultimi dieci anni. La bionda influencer, coperta da una canotta giro passera che mette in mostra tutte le sue splendide grazie, proprio come una che ha appena ripassato la lezione e vuole dirla tutta in fretta per paura di dimenticarsela esordisce così “Io qui dentro ho cercato di trasmettere solo messagggi positivi”, ma non fa in tempo a finire la frase che l’altra, carica come una molla la travolge.

Taylor dice a Francesca “Tu non sei nessuno”, l’altra ribatte “Eh già, sei famosa tu perché cambi gli uomini come cambi le mutande e ti lavi con lo champagne?” e si passa subito alla questione Gennaro, perché secondo la De Andrè, la biondona avrebbe fatto l’ochetta con quello che, nell’ultima settimana di reality, è invece diventato il suo fidanzato ufficiale. “Ma tu credi che io ci abbia provato con Gennaro?” dice Taylor “Tesoro, io sto in un altro campionato”. “Già ti piacciono quelli con i soldi” ribatte Francesca, “Appunto” è la risposta lapidaria. Vabbè almeno è sincera, ma il dialogo tra le due pensatrici si infiamma rapidamente, Francesca non perdona all’altra di avere parlato male di lei alle sue spalle mentre davanti si fingeva amica e tenta di colpirla dicendole che lei è da sola per il suo carattere ipocrita e che neanche la sua famiglia se la c**a.

La risposta è quasi scontata “L’Italia intera ti odia, non ti sopporta nessuno, hai rotto le palle”, e l’altra “Preferisco essere odiata, cornuta e mazziata che essere come te, vai vai, fai pure la passerella e fai vedere il tuo bel culetto”. Quando le parole non bastano più si passa ai fatti e la Mega si alza, si mostra in tutta la sua statuaria bellezza e dice “Lo vedi questo”, riferendosi al suo corpo “E’ il livello a cui tu non arriverai mai”. Ed è esattamente il livello infimo che noi non avremmo mai voluto vedere raggiungere. Le due continuano a urlarsi contro, la De Andrè, neanche tanto tra le righe, dà a quell’altra, che ha ancora il cervello impegnato a ricordarsi le frasi imparate a memoria, della poco di buono, e quindi tutto ciò che accade dopo, fino alla proclamazione della vincitrice, di fronte a questo ciarpame è nulla.

Cosa di poco conto è l’intervento di un passivo Bobby Solo riappacificatosi con la figlia, ancora entusiasta di avere ritrovato, dopo lo scorso GF, il papà dopo quindici anni di denunce e avvocati, che però sembra uno a cui in realtà della ragazza non importi nulla, ma ha capito che c’è del business. Il cantante, tanto per giustificare la sua presenza, imbraccia la chitarrina e intona “Zingara”, ma dallo studio la Zanicchi parte con un acuto che lo stende. Ciao Bobby. Via lui è il turno della sorella di Gennaro, come avevamo preannunciato. Dato che il padre che lo aveva abbandonato da piccolo evidentemente ha fatto orecchie da mercante, si ripiega sulla ragazzetta che fa il suo ingresso nella “stanza dei led” per abbracciare il fratello mai conosciuto prima. Meglio che niente, anche se, rispetto alle immagini mostrate le scorse settimane, Maria pare molto meno telegenica di quanto ci era sembrata quindi temiamo che questa possa essere la prima ed ultima sua apparizione televisiva.

Anche perché Gennaro e Francesca, che ha dato finalmente addio a Giorgino, si sono nel frattempo fidanzati, senza avere forse nel frattempo consumato, e quindi nei prossimi mesi il piccolo schermo è tutto per loro. La vittoria di Martina, meglio conosciuta come “la ragazza dal cuore di latta”, sembra solo un atto dovuto. Invece l’altro finalista Enrico, della cui presenza nella casa ci accorgiamo solo ora, resuscita proprio l’ultimo giorno regalandoci performance da satiro tarantolato. Lo vediamo perdere il senno quando tra le ragazze che gli ballano attorno, per il contentino prima del termine della puntata, riconosce Audrey, la rifattona eliminata al primo televoto, che gli si struscia contro provocante. Lui si toglie camicia, scarpe, si fa trascinare dall’illusione pensando che forse lì in diretta sia giunto il suo momento e in un impeto di lucida finezza urla alla conduttrice “Lasciatemi qui, tanto ci metto sessanta secondi”.

Ma non è ancora il suo turno, infatti lo ritroviamo ancora infoiatissimo nel salotto di Pomeriggio 5 il giorno successivo. La D’Urso si domanda perché lui abbia un microfono più grosso degli altri, e la battuta sarebbe scontata, poi ipotizza che in realtà sia per attutire il rumore perché o lui sputa mentre parla oppure ha la barba troppo lunga. Il neo giullare di corte risponde immediatamente “Io ho la barba lunga, i capelli lunghi, ho tutto lungo”. Non pare che la notizia desti però particolare interesse, allora, non pago, quando in studio si parla ancora della famosa leccata all’orecchio data da Ivana Icardi a Gianmarco Onestini ci tiene a farci sapere che invece lui prova molto piacere se gli leccano il menisco. Eventuali ammiratrici possono prenderne nota. Sicuramente ci svelerà altri punti erogeni quando Barbara lo inviterà, come lui chiede espressamente, al suo Live del mercoledì, ma per stavolta, la diretta serale è dedicata, oltre al caso Mark Caltagirone, trascinato per quasi tre ore di trasmissione, alla coppia del momento, ancora Gennaro e Francesca, protagonisti del faccia a faccia con le cinque sfere. Luxuria ipotizza che la coppia non mangerà il cocomero di ferragosto, Platinette rivela di conoscere Gennaro da tempo e chiede lumi circa un suo fidanzamento con la trans napoletana Guendalina, Martina, la vincitrice del GF, apre bocca ma viene subito zittita e Riccardo Signoretti, onnipresente direttore di “Nuovo”, sventola fogli e attacca ancora la De André per i suoi atteggiamenti. Finché finalmente ruota la sfera centrale e appare Giorgio, l’ormai ex fidanzato, il traditore. Vuole dire la sua, tenta di connettere i neuroni, anche se dalla faccia sembra che l’impresa sia fallita e dice “Sono qui per dirti che la pausa è finita, dato che vado di moda e ho tante donne”.

In pratica dopo che lei è da una settimana che limona tutto il santo giorno con Gennaro, adesso vuol fare vedere che invece è lui che la lascia? Francesca è un fiume in piena “Hai bevuto come al solito? Tu sei da Sert, fai schifo, hai ancora il coraggio di presentarti dopo che ti sei fatto fare un servizietto in auto da una squincia e poi sei andato a farti un bidet a casa mia”. Ecco, se per caso ci fossero sfuggite le modalità del tradimento, ora ci è tutto chiaro. Giorgio ride inebetito e pensando di fare bella figura commenta “Dopo un mese che non c’eri, si vede che avevo bisogno di scaricarmi” e si guarda attorno forse aspettando l’applauso. Un galantuomo d’altri tempi, non c’è che dire.

Concluso questo siparietto horror si passa all’appello del cantante Morgan sta per essere sfrattato e chiede a tutti di perorare la sua causa. In diretta dalla sua casa messa all’asta per debiti con fisco causati da un commercialista truffaldino, l’artista invoca giustizia e anche un occhio di riguardo per la sua abitazione che lui considera un museo, una vera opera d’arte. Certo, si rende conto, come gli fa notare la D’Urso, che molti italiani sono in questa condizione, ma lui, ripete, è un artista, e quindi vale di più. “Dove andrai a stare nei prossimi giorni?” chiede gelida la conduttrice, “Andró in un luogo del pensiero, della metafisica” risponde lui e posseduto da uno dei soliti insopportabili eccessi di protagonismo si mette alla pianola e canta “Era una casa molto carina senza soffitto senza cucina”. Fa piacere vedere che non ha perso il senso dell’umorismo, speriamo che il luogo metafisico dove vuole andare abbia anche un letto e non solo una panchina, quella su cui, in un crudelissimo post mostrato in diretta, gli augura di finire la sue ex Asia Argento.

Lei un tetto sulla testa ce l’ha ed ha anche un lavoro. Dopo tutti gli scandali dei mesi passati, ce la ritroviamo infatti tra uno dei tre saggi opinionisti del nuovo programma di Enrico Lucci Realiti, già declassato alla seconda serata, dopo la messa in onda della prima puntata. Il talk show in cui si parla di personaggi noti come fossero concorrenti inconsapevoli di un reality, sullo stile Truman Show, è di una noia mortale. L’abbiamo guardato sperando che finisse in fretta. Il cast è moscio, i compagni di poltrona della Argento, il rapper Luchè e lo scrittore Aurelio Picca, sono meno televisivi dei materassi di Giorgio Mastrota e lei, Asia, sembra essersi calata nei panni della signora misurata che pudicamente tenta di fare i commenti osè, ma con garbo. Se prima avrebbe detto “Anvedi che si nun te spieghi pare che stai a parlà de mign***e”, adesso, dopo una clip del nuovo idolo del web, Generale Marasco, guardia ecologica di Manfredonia contro il degrado ambientale, che mostra la solita signora che, imprecando in dialetto si lamenta dell’abbandono dei rifiuti e della presenza di sporcizia e zoccole, la Argento, con bei modi, osserva preoccupata “Senza mostrare il controcampo qualcuno potrebbe pensare che si tratta di prostitute e che lì si fanno delle orge”.

Si chiede l’intervento di una signora pugliese presente che spiega, come se ce ne fosse bisogno, che le zoccole sono i topi grandi. “E zoccole e soreta”, commenta la Argento e noi finalmente la riconosciamo. Primo guizzo della serata che però poi inciampa immediatamente nel già visto, già sentito e risentito ennesimo confronto tra la solita influencer smutandata e quella invece colta che sui social tratta di spread e Brexit come se parlasse di pasta al pomodoro. Una, scopriamo dal video di presentazione, passa la giornata a truccarsi, pettinarsi, farsi le foto e dare della scema alla madre, che intanto le soffia sulle unghie per farle asciugare lo smalto, se non trova il suo abitino preferito perché lei ama fare party e viaggiare con i soldi che le dà il papà, l’altra invece, con tailleur pantalone serioso dichiara di non disprezzare la mondanità, ma di divertirsi con intelligenza e già che c’è, visto che è poco presuntuosa, consiglia alla strappona di prendersi un vocabolario e di studiarsi qualche parola in più.

Poi, cavalcando il successo del personaggio fantasma del momento, Lucci ci rifila pure l’intervista ad una fantomatica zia di secondo grado di Mark Caltagirone. Dopo questa, rimane la terza serata, oppure l’ora dei lupi. Ah no, quella è già occupata da Rai Educational.

Consigliati dalla redazione