In Stranger Things 3 (ma anche nella prima stagione dello show) ci è capitato di vedere Jonathan Byers, il fratello di Will, in una camera oscura, luogo ormai obsoleto in cui una volta venivano sviluppate le foto scattate su pellicola.

Ebbene, sappiate che un giovane fan ha interrogato la rete sulla suddetta, perché completamente ignaro della sua utilità. E la rete ha reagito… sentendosi vecchia!

Il ragazzo ha chiesto sul forum StackExchange a cosa servisse la ‘stanza rossa’ in cui andava Jonathan, perché sebbene gli fosse chiara la correlazione con le foto, non lo era altrettanto la procedura cui il personaggio le sottoponeva. A un certo punto, infatti, l’utente si domanda se le mettesse in acqua per pulirle.

Ed ecco alcune delle reazioni arrivate in rete, dalle quali si evince con chiarezza che le domande di cui sopra hanno fatto sentire molte persone alquanto ‘anziane’.

Che ne pensate di queste reazioni? Vi sentite un po’ ‘anziani’ anche voi? Ditecelo nei commenti!

La terza stagione di Stranger Things è ora su Netflix. La sinossi ufficiale recita:

Siamo nel 1985 a Hawkins, nell’Indiana, ed è esplosa l’estate. La scuola è finita, c’è un nuovo centro commerciale in città, e la banda di Hawkins è ormai entrata nell’adolescenza. Sbocciano storie d’amore che complicano le dinamiche del gruppo, e tutti loro dovranno capire come crescere senza separarsi. Nel frattempo, il pericolo incombe. Quando la città è minacciata da nemici vecchi e nuovi, Undici e i suoi amici comprendono che il male non ha mai fine: si evolve. Ora dovranno unirsi per sopravvivere e ricordare che l’amicizia è sempre più forte della paura.

Accanto ai vecchi amici della prime due stagioni – Millie Bobbie Brown, Finn Wolfhard, Caleb McLaughlin, Sadie Sink, Gaten Matarazzo, Noah Schnapp, Dacre Montgomery, Charlie Heaton, Natalia Dyer, Joe Keery, Cara Buono, Winona Ryder e David Harbour – si sono aggiunti Maya Hawke, Jake Busey, Francesca Reale e Cary Elwes.

Potete rimanere aggiornati sullo show grazie alla nostra scheda.

Via EW

Consigliati dalla redazione