Il finale dolceamaro (ovviamente fate attenzione agli spoiler presenti nell’articolo) della terza stagione di Stranger Things è stato lenito – parzialmente – dalla scena post crediti ambientata nella base sovietica in Kamčatka.

Quando i soldati comunisti passano davanti a delle celle per recuperare il “pasto” per il demogorgone, il superiore dice al sottoposto “No, non l’americano”.

E il fandom ha tirato almeno un mezzo sospiro di sollievo perché, magari, lo sceriffo Hopper non è davvero morto (ECCO TRE IPOTESI SUL POSSIBILE RITORNO IN SCENA DELLO SCERIFFO HOPPER).

Intanto però David Harbour ha deciso di giocare con i nostri sentimenti postando la fan art che potete trovare qua sotto.

 

 

STRANGER THINGS 3: LE INFORMAZIONI

La sinossi ufficiale recita:

Siamo nel 1985 a Hawkins, nell’Indiana, ed è esplosa l’estate. La scuola è finita, c’è un nuovo centro commerciale in città, e la banda di Hawkins è ormai entrata nell’adolescenza. Sbocciano storie d’amore che complicano le dinamiche del gruppo, e tutti loro dovranno capire come crescere senza separarsi. Nel frattempo, il pericolo incombe. Quando la città è minacciata da nemici vecchi e nuovi, Undici e i suoi amici comprendono che il male non ha mai fine: si evolve. Ora dovranno unirsi per sopravvivere e ricordare che l’amicizia è sempre più forte della paura.

Accanto ai vecchi amici della prime due stagioni – Millie Bobbie Brown, Finn Wolfhard, Caleb McLaughlin, Sadie Sink, Gaten Matarazzo, Noah Schnapp, Dacre Montgomery, Charlie Heaton, Natalia Dyer, Joe Keery, Cara Buono, Winona Ryder e David Harbour – si sono aggiunti Maya Hawke, Jake Busey, Francesca Reale e Cary Elwes.

Potete rimanere aggiornati sullo show grazie alla nostra scheda.

Consigliati dalla redazione