La terza stagione di This Is Us si è avventurata in un nuovo territorio sia nella linea temporale presente, affrontando la massima tensione coniugale tra la coppia apparentemente indistruttibile composta da Randall e Beth, che nei flashback, con Jack che si arruola nella guerra del Vietnam per salvare il suo fratello Nicky. I protagonisti dell’amatissima serie della NBC hanno recentemente rivelato, in un’intervista a Entertainment Weekly, quali siano state le scene più difficili da girare nel terzo arco di episodi.

Justin Hartley (Kevin)
Hartley ha scelto la scena tratta dall’episodio Do not Take My Sunshine Away (tradotto in Italia come Il Moscerino) in cui Kevin si trova nel quartiere in cui vive la sua ex, Sophie (Alexandra Breckenridge), e la coppia ha un ricongiungimento a sorpresa sotto la pioggia.

“Avevamo a che fare con questo meteo strano, che era, tipo, un diluvio torrenziale per metà della scena esterna e pioggia zero per la mia copertura”, ricorda Hartley. “Poi c’era anche l’aspettativa. Leggi la scena e vedi la storia che hanno questi due personaggi. E non vedevo Alex da un po’, ma ce l’abbiamo fatta subito. Kevin è in questa relazione con Zoe [Melanie Liburd], questa donna che è meravigliosa, e sta per andare a prendere un caffè con la ex, dopo aver trovato un altro incontro di alcolisti anonimi che non è servito a niente – voglio dire, è una cosa complicata. Molte delle scene che sono importanti per Kevin, quando le leggo, sono tipo, “Oh Dio, questo ragazzo sta per emergere come un vero stronzo!” E poi ci metti il ​​lavoro e cerchi di capire: a volte, le brave persone fanno un casino. Quella è stata la mia scena più impegnativa, perché dovevo assicurarmi che la storia veramente significativa e importante e parte della vita di Kevin e della sua vicenda emergessero”.

Mandy Moore (Rebecca)
Moore ha dichiarato che la sfida più grande della terza stagione è stata rappresentata, per lei, da The Waiting Room (L’Attesa), episodio che ha nell’ospedale la sua unica location, mentre la famiglia attende notizie sul parto prematuro di Kate.

“Il silenzio dell’episodio della sala d’aspetto per tutti noi – c’era così tanto da affrontare, ma è anche uno dei miei preferiti di tutta la serie”, dice Moore. “Tutti noi abbiamo dovuto lavorare nei confini di questa stanza per sei giorni, essenzialmente facendo una commedia in quattro atti, ma sebbene il mio personaggio sembrasse tranquillo e lucido mentalmente, io ero esausta alla fine di ogni giornata, perché stava solo ripetendosi, “L’ultima volta che sono stata all’ospedale, è successo qualcosa di orribile. E mia figlia è in una situazione precaria e non potrò sopravvivere [se accadrà qualcosa di male a lei o al bambino].” Tante versioni diverse di quello che le passa per la testa. L’intero episodio è stato davvero duro per tutti noi.”

Chrissy Metz (Kate)
Nella seconda stagione, Metz è stata messa alla prova quando il suo personaggio, Kate, ha avuto un aborto spontaneo. Nella terza stagione, Metz ha affrontato una cura per la fertilità e ha dato alla luce un figlio prematuro, e lei e il marito Toby hanno trascorso un periodo pesante con il piccolo Jack nell’unità di terapia intensiva neonatale.

“Tutte le scene dell’ospedale sono state complicate, ma la prima volta che Kate vede il piccolo Jack nell’incubatrice dopo il parto e supplica suo padre di proteggere Jack è stata la più difficile”, dice Metz. “È sotto shock, con i farmaci, cerca di rimanere forte e ottimista, sentendosi però la sola responsabile della nascita e delle condizioni iniziali di suo figlio”.

Chris Sullivan (Toby)
Toby ha affrontato periodi di depressione per anni, e nell’episodio intitolato appropriatamente Toby, il marito di Kate si sente sopraffatto e scoppia in lacrime dopo che Kate lo informa di essere di nuovo incinta.

“La scena di pianto è stata dura”, dice Sullivan. “È difficile da gestire. In quel particolare giorno, la troupe principale stava girando qualcos’altro, quindi tutti sul set erano nuovi – persone che non avevo mai incontrato prima – e questo era scioccante. Sono entrato, ero tipo, ‘Chi sono tutte queste persone? Che cosa stiamo facendo?'”

Sterling K. Brown (Randall)
Uno dei picchi emozionali della terza stagione è stato raggiunto quando Brown e Susan Kelechi Watson hanno girato un momento cruciale nel dissidio tra Randall e Beth nel loro episodio di istantanee in una relazione, R & B.

“Adoro Sue, ed è difficile discutere con lei”, spiega Brown. “Ma penso che sia così. Questa è una tua amica e, nel matrimonio, stai litigando con una persona che ti è amica, e a volte ti ritrovi a dire cose che fanno male. C’è stato un take – e non penso che l’abbiamo usato nello show – in cui lei è tipo “Oh davvero, Randall? In mezzo a quale dei tuoi attacchi d’ansia avremmo dovuto farlo?” E io ero tipo, “Whoah.” E ho iniziato a piangere, e loro non l’hanno usato. E poi è venuta a prendermi la mano e io ho pensato, “Non toccarmi”. Penso che probabilmente pensavano che fosse troppo, ma c’è stata una vera reazione. Ero tipo, ‘Non posso credere che tu l’abbia detto.’ È stato difficile.”

Milo Ventimiglia (Jack)
Ventimiglia è stato messo a dura prova quando ha filmato il servizio militare di Jack nella guerra del Vietnam, ma l’attore ha scelto una scena tranquilla ma potente che è accaduta dopo il suo ritorno dal conflitto. Durante un viaggio a Los Angeles con la neo fidanzata Rebecca in Sometimes (A Volte), Jack decide di incontrare i genitori in lutto di Squirrel (Moses Storm) e accettare la responsabilità nella morte di questo soldato in Vietnam.

“Ci sono scene fisiche impegnative, ma anche emozionanti dal punto di vista emotivo”, afferma Ventimiglia. “Ricordo che durante le prove, ero letteralmente sul punto di perdere la testa e [il produttore esecutivo / regista] Ken Olin e io abbiamo concordato che fosse troppo. Dovevo trattenermi come essere umano. Questo è stato in realtà uno dei momenti più difficili per me perché, voglio dire, come fai a non scoppiare in lacrime quando stai raccontando la storia dell’eroismo o della morte di un figlio a genitori che vogliono solo risposte?”

Susan Kelechi Watson (Beth)
Watson sceglie una scena in cui ha finalmente il coraggio di opporsi alla sua esigente madre (Phylicia Rashad) informandola di voler tornare a ballare, un sogno che sua madre aveva spento quando Beth era un’adolescente.

“È stato difficile entrare nei panni di Beth e tener testa a sua mamma per la prima volta”, spiega. “Come fa a farlo? Come lo espone? È la prima volta che combatte per il suo sogno contro qualcuno che le sta intimidendo, e non si trova spesso in questa situazione, quindi era un altro lato di lei con cui doveva davvero fare i conti. Ed è stato un grande momento per lei reclamare la propria vita e non permettere a sua madre e alle altre persone di dettar legge. Per dire, ‘Questo è quello che voglio. Cercherò di provartelo’, è stato un grande momento. È stata una scena difficile da affrontare perché è come ti senti con i tuoi veri genitori: “Come posso iniziare questa conversazione?” Ma abbiamo trovato un modo ed è stato piuttosto confortante.”

Cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti!

Correlati con This Is Us

Fonte: Entertainment Weekly

Consigliati dalla redazione