Un nuovo studio ha messo in evidenza l’esistenza di una connessione tra il picco di suicidi tra gli adolescenti e la serie Tredici, e Netflix — prendendo atto della cosa — ha deciso di rimuovere dalla prima stagione dello show la scena in cui Hannah (Katherine Langford) mette fine alla sua vita.

Lo studio in questione ha evidenziato che nell’aprile del 2017, esattamente il mese successivo all’arrivo di Tredici sulla piattaforma di streaming, il tasso di suicidi tra i giovani di età compresa tra i 10 e i 17 anni ha subìto un incremento del 30%.

Netflix ha commentato la decisione attraverso il seguente comunicato:

Abbiamo sentito da molti giovani spiegare che Tredici li ha incoraggiati a parlare di problemi difficili come la depressione e il suicidio e a chiedere aiuto — spesso per la prima volta. Mentre ci prepariamo a lanciare la terza stagione, verso la fine dell’estate, siamo consapevoli del dibattito che c’è attorno allo show. Quindi, su consiglio di esperti medici, tra cui la Dott.ssa Christine Moutier, direttore della American Foundation for Suicide Prevention, abbiamo deciso — insieme al creatore Brian Yorkey e ai produttori — di modificare la scena in cui Hannah si toglie la vita nella prima stagione.

Yorkey, dal canto suo, aveva detto che la scena aveva lo scopo di mostrare come fosse “orribile e dolorosa” la realtà di chi si toglie la vita, e questo al fine di essere certi che “nessuno desiderasse emularla”, ma dopo aver parlato con la Dottoressa Moutier e aver capito le sue preoccupazioni, Yorkey si è trovato d’accordo con Netflix e ha dato il via libera alla cancellazione.

Cosa ne pensate di questa decisione? Attendiamo la vostra opinione nei commenti.

Fonte: TV Line

Consigliati dalla redazione