Se state sperando in un revival di Desperate Housewives non contateci troppo.

Durante i TCA, Deadline ha chiesto al creatore della serie Marc Cherry se considererebbe mai l’idea di ritornare a Wisteria Lane, e lui ha risposto: “Ho fatto 180 episodi di Desperate Housewives, a differenza di un Sex and the City, che era su un canale via cavo e non ha fatto altrettanto. Mi sembra di aver fatto veramente tutto, e in un certo senso, ho trovato un nuovo modo di farlo perché molti dei temi che ho già affrontato sono in questo show.” Cherry fa riferimento alla sua nuova serie di CBS All Access Why Women Kill.

Al centro della trama ci sono tre donne che vivono in tre decenni diversi: Ginnifer Goodwin (C’era una volta) ha la parte di una casalinga degli anni ’60, Lucy Liu (Elementary) sarà invece una donna che vive nell’alta società negli anni ’80, e Kirby Howell-Baptiste (The Good Place) è infine un avvocato la cui storia è ambientata nel 2019. I tre personaggi principali vivono nella stessa casa e ognuno di loro deve affrontare il tradimento compiuto dal proprio marito. Ogni donna inizia quindi a considerare la possibilità di compiere un omicidio e il trailer mostra un cadavere che viene portato via dall’edificio, confermando quindi che ci sarà una morte.

Inoltre, se Marc Cherry decidesse mai di riportare in vita Desperate Housewives, dovrebbe affrontare un’altra sfida non da poco.

“Essendo una serie streaming, con Why Women Kill ho fatto 10 episodi ed è finita lì,” ha rivelato. “Con Desperate era completamente differente e la cosa difficile era trovare i cliffhanger. ‘Ok, devo trovare un colpo di scena ogni anno e le loro vite dovranno cambiare completamente’ – ed è una cosa così difficile.”

Fare una serie streaming ha regalato a Cherry l’indipendenza di esprimere se stesso in maniera differente – e non solo perché ha potuto usare un linguaggio scurrile – il creatore ha rivelato di essersi divertito molto ad usare la parola F*ck! – ma anche per poter parlare di determinati argomenti e affrontare trame senza troppi limiti. Durante Desperate Housewives, a Cherry era proibito di affrontare temi rischiosi, limite che adesso sembra essere stato sdoganato dal network. “Non mi è stato permesso di inserire una storyline che trattasse l’aborto, e ho visto molte persone farlo – e sulla ABC, cosa piuttosto interessante.”

Cherry ha inoltre rilasciato qualche dettaglio sul personaggio che avrebbe dovuto affrontare l’aborto. “Sarebbe dovuto essere un nuovo personaggio, e sarebbe stata una cosa inedita,” ha rivelato Cherry. “La cosa venne scartata immediatamente.”

Consigliati dalla redazione