The Chi dovrà fare i conti con l’assenza di Jason Mitchell negli episodi della terza stagione della serie prodotta per Showtime.
Il presidente dell’emittente, Gary Levine, ha confermato che il suo personaggio, Brandon, uscirà definitivamente di scena, confermandone la morte:

C’è molta vita grandiosa nella serie e anche morte, ed è così che affronteremo la situazione.

Nel mese di maggio Jason Mitchell è stato licenziato dalla serie The Chi dopo essere stato accusato di molestie sessuali dalla showrunner Ayanna Floyd Davis e dalla co-star Tiffany Boone. Successivamente è stato rivelato che il comportamento scorretto era avvenuto anche in occasione del film Desperados prodotto per Netflix e che aveva portato al suo allontamento dal set.

Il giovane attore, dopo il successo ottenuto da Straight Outta Compton, ha recitato anche in film come Mudbound, Kong: Skull Island e Detroit.

Lena Waithe, creatrice di The Chi aveva spiegato che prima del licenziamento aveva parlato direttamente con Jason Mitchell al termine della prima stagione, dopo l’emergere delle prime accuse, e tutte le persone coinvolte avevano affrontato la situazione con l’aiuto delle Risorse Umane, decidendo di ritornare a lavorare per la seconda stagione. L’attore non ha però cambiato atteggiamento, arrivando quindi alla necessità di un licenziamento.

Che ne pensate? Vi sembra una scelta giusta?

Lo show è girato a Chicago ed è stato creato da Lena Waithe (Master of None) e tra i produttori ci sono anche Common ed Elwood Reid.

The Chi racconta la storia di un gruppo di persone che vivono nello stesso quartiere e le cui vite si intrecciano a causa del destino, trovando dei punti in comune grazie al loro bisogno di creare legami e ottenere redenzione.

Nel cast troviamo Jacob Latimore (Sleight), Ntare Guma Mbaho Mwine (Queen of Katwe), Alex Hibbert (Moonlight), Yolonda Ross (The Get Down), Armando Riesco (Bull) e Tiffany Boone (The Following).

Gary Levine, presidente della programmazione di Showtime, ha dichiarato:

Fonte: Variety

Consigliati dalla redazione