Lo scorso aprile, Julianna Marguiles aveva reso noto che la sua partecipazione a tre episodi di The Good Fight, la serie di stampo legale ora in onda su CBS All Access (che era nata come spin-off del ‘suo’ The Good Wife) era stata messa da parte per via di problemi di carattere economico.

L’attrice aveva raccontato che, al momento di finalizzare l’accordo con gli studios, aveva chiesto che le venisse riconosciuto il suo solito cachet, ma la produzione ha fatto sapere che era disponibile a corrisponderle il normale stipendio di ogni guest star. La Margulies, quindi, aveva tenuto a precisare:

Io non sono una guest star, io ho dato inizio a tutto con The Good Wife. Volevo essere pagata in base a quanto valgo e volevo un trattamento equo. Se Jon Hamm tornasse per prendere parte a uno spinoff di Mad Men, o Kiefer Sutherland volesse fare uno spinoff di 24, verrebbero pagati [equamente].

E adesso Julie McNamara, Vice Presidente dei Contenuti Originali di CBS Alla Access, Original Content, ha parlato della vicenda spiegando:

Adoriamo Julianna e con lei abbiamo una lunga, grande storia. Volevamo averla come guest star in The Good Fight. Ma c’era un’aspettativa [finanziaria] diversa rispetto a ciò che significava, e non ha funzionato… Si è solo trattato di un accordo che non è andato a buon fine. Ma non entrerò nei dettagli finanziari che lo riguardano.

La McNamara ha anche anticipato che CBS All Access ha un altro progetto in sviluppo che coinvolge proprio la Margulies, ma non ha voluto condividere alcun dettaglio in merito.

Che ne pensate di questa notizia? Secondo voi chi potrebbe avere ragione tra le due parti? Diteci la vostra opinione nei commenti!

Fonte: TV Line

Consigliati dalla redazione