Watchmen, la nuova serie targata HBO, proporrà delle tematiche politiche e sociali con più di un legame con il mondo contemporaneo e, dopo la scelta di Universal di rimuovere dalla programmazione il film The Hunt in seguito alle recenti sparatorie avvenute negli Stati Uniti, molti fan hanno temuto che venisse posticipato il debutto dello show o venisse modificata la campagna promozionale.
Un portavoce della tv via cavo, contattato da IndieWire, ha però rassicurato il pubblico per quanto riguarda i progetti legati allo show tratto dalla graphic novel che debutterà a ottobre:

HBO ha una lunga storia legata al sostenere la narrazione in grado di far riflettere come Watchmen, un mix di fantastica science fiction e commento politico e sociale che si basa sull’originale graphic novel iconica. Ci siamo avvicinati al marketing dello show con grande cura. I primi due trailer sono già stati diffusi e i nostri materiali futuri proseguiranno su quella strada. Non c’è attualmente nessun piano legato al modificare la strategia di marketing in qualsiasi modo.

Damon Lindelof, showrunner della serie, è stato inoltre l’ideatore del film The Hunt, e ha già risposto a molte domande relative al modo in cui verranno rappresentati eventi in cui si darà spazio al terrorismo dei suprematisti bianchi o il razzismo:

Il fumetto si basava su ciò che stava accadendo nella cultura americana in quell’epoca. Nel 2019 quale è l’equivalente del confronto nucleare tra Russia e Stati Uniti? E sembra che sia senza alcun dubbio la razza e le politiche in corso in America.

LA SINOSSI DELLA SERIE TV DI WATCHMEN

Lo show è ambientato in una realtà alternativa e contemporanea negli Stati Uniti, nella quale i vigilanti mascherati sono diventati fuorilegge a causa dei loro metodi violenti. Nonostante ciò, alcuni di loro si riuniscono con l’obiettivo di iniziare una rivoluzione, mentre altri si preparano a fermarla prima che sia troppo tardi, mentre sempre più persone si chiedono: chi guarda i Guardiani?

La serie tv di Watchmen porta la firma di Damon Lindelof, è stata ideata come sequel della graphic novel di Alan Moore e Dave Gibbons.

Nel cast figurano Don Johnson, Robert Redford, Regina King, Tim Blake Nelson, Louis Gossett Jr., Adelaide Clemens, Andrew Howard, Yahya Abdul-Mateen II, Sara Vickers, Tom Mison, Hong Chau e Jeremy Irons. Trent Reznor e Atticus Ross si occuperanno della colonna sonora.

Cosa ne pensate? Lasciate un commento!

Fonte: IndieWire

Consigliati dalla redazione