Se lo sviluppo dello spinoff di Game of Thrones incentrato sulla Casata dei Targaryen dovesse andare avanti, ci sarebbe spazio anche per i draghi. Questo, almeno, è ciò che ha confermato George R.R. Martin, autore de “Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco” e tra i produttori esecutivi della serie dei record della HBO.

Martin, che attualmente è coinvolto anche nella lavorazione del primo spinoff, dopo aver confermato che il network sarebbe vicino all’ordine del pilot di una potenziale serie che avrebbe il compito di raccontare la storia della casata di Daenerys Targaryen, ha rivelato che in essa i draghi avrebbero di certo un ruolo. Ecco le sue parole:

Posso dire che i draghi ci saranno. Tutti lo hanno detto, quindi perché io non dovrei?

Sappiamo bene come i Targaryen siano profondamente legati ai maestosi animali che hanno affascinato i fan nella serie madre, e sarebbe molto interessante poter scoprire da cosa sia stato originato il loro rapporto.  Secondo quanto riportato, il potenziale nuovo show sarebbe co-creato da Martin e da Ryan J. Condal (Colony), e sarebbe ambientata 300 anni prima della serie madre, raccontando “l’inizio della fine della Casa Targaryen”. Sembra inoltre che il libro companion “Fire & Blood” di Martin dovrebbe dare la base per la creazione del progetto.

Sebbene al momento non ci sia ancora nulla di definito, Martin ha dichiarato che fino qui i segnali sembrerebbero buoni:

Voglio sottolineare che “vicino all’ordine del pilot” NON è la stessa cosa di “avere l’ordine per il pilot”. È una cosa incoraggiante, è emozionante, ma non comprate ancora il divano. Quando la HBO ci darà l’ordine per il pilot, mi sentirete urlare dai tetti. L’ordine di una serie mi farà gridare ancora più forte. Ma vedremo. In questo momento tutti i segnali sono buoni, ma nulla è confermato.

Cosa ne pensate di questa notizia? Vi piacerebbe poter vedere uno spin-off incentrato sui Targaryen? Lasciate un commento!

Tutte le notizie su Game of Thrones sono disponibili nella nostra scheda.

Via: CB

Consigliati dalla redazione