Questa settimana, FX trasmetterà il centesimo episodio di American Horror Story, ovvero l’ultima puntata di AHS: 1984. Per celebrare il traguardo, Entertainment Weekly ha chiesto a Ryan Murphy, che ha co-creato la serie con Brad Falchuk, di rivelare quali siano i suoi episodi preferiti di ogni stagione della serie antologica. Eccoli, descritti dalle parole del loro stesso creatore:

1) Murder House, “Pilot”

Il primo, e sempre il numero uno nel mio cuore, per diversi motivi. Uno è che Brad e io abbiamo trascorso così tanto tempo… anni, anni sulla sceneggiatura, fino a quando [il CEO della FX] John Landgraf e [la co-responsabile della 20th Century Fox TV] Dana Walden e Brad e io siamo arrivati dove volevamo arrivare. Dall’idea approssimativa al primo giorno di riprese ci sono voluti quattro anni. All’epoca era un rischio enorme, creativo e finanziario. Dana Walden mi ha detto più volte che è stata una delle idee più rivoluzionarie nella storia della televisione moderna e penso che abbia ragione. Ricordo che John, quando gli ho dato i dettagli finali, mi disse: “Aspetta un minuto… brucerai i set ogni anno e ricomincerai ogni stagione?” Dissi: “Sì”. Rimase in silenzio e poi disse “Questo mi spaventa… ma mi emoziona anche. Facciamolo.” Quella prima stagione ha reinventato lo spazio narrativo antologico che ho amato da bambino e ha inaugurato un modo completamente nuovo di fare televisione (in modo creativo ed economico) e ne sono molto orgoglioso.

Inoltre, c’è il cast. La mia prima volta con Jessica, Connie, Dylan. Jessica [Lange] era un idolo e il nostro primo giorno di set sono sicuro che io fossi arrivato dallo spazio. È stato un tale privilegio lavorare con lei, ho trascorso ore con lei nella sua roulotte ragionando sul suo look, sui movimenti, su quell’acconciatura. Ci è piaciuto parlare tra di noi per realizzarla, e lo facciamo ancora quasi dieci anni dopo. Alla fine del primo giorno, mi disse qualcosa del tipo: “È pazzesco, ma mi fido di te.” Mi baciò sulla guancia e siamo ripartiti. Ricordo che Brad, Connie [Britton] e Jessica e io ci dicevamo costantemente: “È così strano. Che cosa ci facciamo qui?” L’unica persona che non ha mai vacillato è stata Dylan McDermott. Sorridendo sempre, sempre così nella parte e disposto ad andare ovunque. Ricordo che il giorno in cui ho dovuto dirigerlo mentre si masturbava e piangeva, dopo il primo ciak gli ho detto, “So che è strano, stai bene?” E lui ha sorriso e mi ha detto: “Sto bene.” “Sei sicuro? È così strano.” Lui mi ha risposto: “Perché questa cosa sarà un grande successo.” E aveva ragione.

2) Asylum, “The Name Game” 

Questo è sicuramente l’episodio preferito del fandom, e so che è la stagione preferita di Sarah Paulson e Lady Lange. Ma non la mia (oggi, a mio avviso, è Cult, ma cambio le mie preferenze ogni anno.). Ma l’ho adorato e l’intero episodio è accaduto perché, dopo che avevamo girato tre episodi, Jessica mi ha detto “Oh Ryaaaaaan, non riesco a continuare a deprimermi qui, è così buio, così duro e così brutale, non posso avere un numero musicale?” Lo disse per scherzo, ma l’idea si adattava perfettamente a ciò che avevamo pianificato. Non ho mai visto un attore essere più felice sul set. Jessica è rinata e abbiamo girato questo numero tutto il giorno. Ricordo di averlo fatto 45 volte, e Sarah, io ed Evan [Peters] eravamo esausti e continuavamo a ridere e perché Jessica era davvero entusiasta. Non ha mai esitato e, in effetti, ha chiesto di andare avanti. Le ho detto: “Signora, si tolga la parrucca bouffant e il vestito blu – domani tornerà nei panni della suora”. Ci siamo divertiti un mondo quel giorno. Abbiamo riso per 14 ore di fila.

3) Hotel“Checking In”

Adoro questo episodio per tanti motivi, molti dei quali dipendono da Lady Gaga. Mi è piaciuto molto lavorare con lei, allora come adesso. Sono così orgoglioso di dove sia arrivata come attrice, ma ha sempre avuto la stoffa, fin dal momento in cui è arrivata sul set. È un’attrice nata. La mia sequenza preferita nell’episodio è stata la caccia al vampiro con lei e Matt Bomer, sulle note della geniale canzone She Wants Revenge. L’idea è stata di Gaga, comunque. Era come girare un film muto di dieci minuti, tutte le inquadrature erano attentamente programmate e coreografate. Abbiamo fatto innumerevoli take solo per far muovere lo strascico del vestito rosso di Gaga in modo corretto. Ne abbiamo girato un bel pezzo nel cimitero di Hollywood Forever, e ricordo che Gaga e Matt e io ci siamo meravigliati, tra un ciak e l’altro, guardando tutte le bellissime e inquietanti lapidi. E mi è piaciuto che abbiamo usato Nosferatu, uno dei miei film preferiti. Gaga e Matt erano così impavidi riguardo al sesso e a tutto il sangue, sono stati professionisti e perfezionisti. Penso che mi sia piaciuto così tanto perché a Gaga interessava ogni aspetto. Abbiamo trascorso ore sugli sguardi, sul passato della Contessa. Ha organizzato una festa per “conoscersi” a casa sua a Malibu proprio prima di girare questo episodio, e ricordo che Kathy Bates e io abbiamo avuto un momento in cui ci siamo guardati come a chiederci: “Sta davvero succedendo? Ha tinto la piscina di rosso sangue?” Gaga non delude mai. È incapace di deludere.

4) Apocalypse, “Return to Murder House”

Adoro questo episodio, soprattutto perché adoro Sarah Paulson. Siamo cresciuti insieme e abbiamo lavorato per la prima volta nel 2003 su Nip / Tuck. Questo è stato il culmine di tutte le cose di Sarah, nel senso che poteva utilizzare tutti i suoi talenti. Le ho sempre detto, da quando ho girato The People Vs OJ Simpson, “dovresti dirigere”. Perché lei sa gestire tutto: gli oggetti di scena, la macchina fotografica, le sue battute, le battute di tutti, il sottotesto. Sarah è davvero una macchina di preparazione e professionalità. Alla fine, ho continuato a spingerla e lei ha detto: “OK”. Questo è stato un episodio molto difficile, perché recitava anche in questa stagione, ma il suo lavoro con gli attori è stato così bello, e più impressionante per me è stato il lavoro tecnico che ha fatto. La composizione dell’inquadratura, gli obiettivi, costruire la suspense. Era tutto per lei. Tutti l’adoravano e tutti si radunavano e sembrava che la famiglia fosse tornata di nuovo insieme. Mi è piaciuto stare sul set quando Jessica ha fatto il suo grande ritorno. Lei e Sarah hanno una relazione così profonda e ridono davvero tanto. Non c’è niente di più divertente al mondo di una cena con Sarah Paulson e Jessica Lange e una bottiglia di buon rosso. Ancora più divertente se ottieni un cameo di Emma Roberts e Billy Porter. Ho percepito che Sarah ha davvero elevato questo lavoro, come ha sempre fatto. Mi piace continuare a sfidarla, perché sinceramente penso che possa fare qualsiasi cosa. Ed è una delle mie migliori amiche, e quando una delle tue migliori amiche supera le tue aspettative… ti rende davvero raggiante. Ricordo di aver guardato la proiezione di questo episodio la prima volta, pensando: “Può davvero fare tutto”.

5) Freak Show, “Monsters Among Us”

Adoro questo episodio perché Jessica, Evan, Sarah e io eravamo come un gruppo di pazzi scatenati, che correvano per tutta New Orleans. Faceva davvero caldo, e abbiamo avuto molte cene fantastiche per parlare di qualsiasi cosa. È stata tutta un’idea di Jessica. Ogni giorno la temperatura era di 40 gradi ed ero coperto di punture di insetti, ma era come un sogno. I set, i vestiti, gli attori nell’ensemble. Quattro momenti meravigliosi mi tornano in mente: 1) Jessica che canta Bowie, con quel vestito blu. Quello è stato un giorno pazzesco. Abbiamo lasciato cadere tonnellate di glitter, è entrato negli occhi di tutti. Jessica ha adorato quella scena. 2) Lavorare con John Carrol Lynch come Twisty, uno dei più grandi professionisti di tutti i tempi. Il giorno in cui abbiamo girato il primo omicidio di Twisty è stato in una palude con 43 gradi, ma tutti erano inchiodati e continuavano perché John era davvero eccezionale. Dal momento in cui ho visto Zodiac, ho voluto lavorare con lui e ha detto di sì. Gioia. 3) Sarah con quelle teste gemelle. È stato molto difficile, ma tecnicamente entusiasmante. Un giorno Sarah si sentiva così frustrata che qualcosa che voleva comunicare con la sua interpretazione non stesse arrivando, qualcosa di tecnico, e scoppiò in lacrime perché voleva essere perfetta, e ci appartammo per parlarne e sistemarlo, e ho avuto uno sguardo in uno specchio di me, lei e la sua seconda testa, e ho pensato “Ok, questo è piuttosto sorprendente. Per questo momento da solo, ne vale la pena.” 4) Finn Wittrock. Un grande professionista, sempre pronto a tutto ciò che gli suggerisci. Dandy era uno dei miei personaggi preferiti tra tutti quelli che abbiamo mai fatto. In particolare, Dandy in quella stanza dei giochi.

6) Cult, “Great Again”

Questa è stata la mia stagione preferita. Penso che Falchuk sia d’accordo. Entrambi abbiamo sentito appassionatamente la storia, la terrificante ascesa di Trump, di persone che cadono sotto l’incantesimo del culto della personalità. Non dimenticherò mai le riprese del giorno in cui Trump vince le elezioni e Paulson (nei panni di Ally) cade a terra inorridita mentre beve il rosé. È successo davvero a me, quindi l’abbiamo inserito nello show. Molti membri della troupe piangevano apertamente il giorno in cui l’abbiamo girato, mesi dopo le elezioni. Così tante persone avevano ancora disturbi da stress post-traumatico. Altri membri della troupe, sicuramente gli elettori di Trump, erano semplicemente in silenzio. Ho pensato: “Bene, questo è il mondo adesso… polarizzato”. Questo episodio è il mio preferito perché l’abbinamento di Paulson vs Evan Peters è stata la combinazione di antagonista / protagonista che ho preferito tra quelle che abbiamo mai fatto. Sono così vicini e capiscono davvero come lavorare gli uni con gli altri e si nascondono come fratello e sorella, quindi ha fatto davvero clic. Ho adorato la performance di Evan, e anche Sarah. Ne parliamo ancora. Tipo una volta alla settimana, quanto è bravo?

Evan è stato criminalmente sottovalutato in questo ruolo. Ha sofferto molto mentre lo interpretava, ci sono voluti non so… due anni per riprendersi? Evan e io, Emma [Roberts], ​​Sarah e Holland Taylor, abbiamo fatto il Ringraziamento quell’anno subito dopo le riprese, e ricordo che io e Sarah continuammo a dare da mangiare a Evan, cercando di nutrirlo e farlo sentire meglio. Stava ancora sentendo l’oscurità mentre stavamo realizzando la prima stagione di Pose, è entrata molto a fondo nella sua pelle. L’ho adorato. Lui e io ne abbiamo parlato, e abbiamo deciso che forse era tempo di fare qualche commedia. Ma abbiamo parlato nell’ultimo mese del suo ritorno allo show tra qualche anno e spero che lo faremo. Ho davvero ammirato la dedizione e la disciplina che ha profuso nel ruolo.

7) Coven, “The Magical Delights of Stevie Nicks”

Sinceramente penso che Stevie Nicks mi abbia salvato la vita quando ero adolescente, perché vedevo in lei una via d’uscita, un modo per essere unico al mondo e fregarmene di quello che la gente pensava di me. Segui te stesso. E i tuoi sogni. Indossa stivali con plateau e scialli a fascia, sii chi sei, perché la vita è breve. L’ho preso da Stevie e dalle sue canzoni, quindi quando ho capito che volevamo fare una stagione sulle streghe, l’ho chiamata e l’ho supplicata di esserci. L’ho conosciuta per la prima volta in Glee, quando mi ha dato così gentilmente qualsiasi canzone che volessi dal suo repertorio perché amava quella serie e come ha introdotto i giovani alla musica. Era l’unica stella che abbiamo usato che ha inviato fiori e regali al cast e alla troupe! Pura magia e gentilezza. All’inizio, Stevie non era sicura di Coven e del suo ruolo. Voleva assicurarsi che la potenza femminile in conflitto fosse sul lato giusto dello spettro. Ricordo che abbiamo avuto diverse telefonate e ho continuato a spiegarle il progetto, abbiamo avuto modo di parlare molto della sua carriera e della sua vita ed ero sbalordito. Ricordo che Grace Slick chiamava sempre Stevie “la strega bianca”, il che significa che usava i suoi poteri! Stevie era una vera collaboratrice e quando si è presentata per girare questo episodio eravamo tutti scioccati dal fatto che fosse realmente accaduto.

Adoro Lily Rabe, il suo personaggio (Misty) era ossessionato da Stevie e le ha fatto passare molti momenti difficili, proprio come Stevie ha fatto con me. Tutti hanno pianto il giorno in cui Stevie è apparsa per la prima volta, esattamente come volevo che facesse, con scialli a volontà e tanta gentilezza. Ho amato Angela Bassett e Kathy Bates anche in questa stagione, ha dato il via alla mia collaborazione con questi due fenomeni. Il ricordo più indelebile che ho di questa stagione è successo quando abbiamo finito di girare. Seven Wonders era un singolo dei Fleetwood Mac abbastanza trascurato, ma da bambino mi piaceva molto. Ecco perché l’ho usato nello show. Stevie mi ha detto che, dato che l’abbiamo usato, i giovani hanno continuato a richiederlo e ad acquistare il singolo online, è diventato una cosa speciale redditizia per i Fleetwood Mac. Sono andato a un concerto dei Fleetwood Mac subito dopo che lo show aveva terminato la messa in onda, e così tanti giovani erano lì perché Stevie era su American Horror Story, l’hanno adorata. Sul palco ha iniziato Seven Wonders e proprio prima di iniziare a cantare ha detto: “Questo è per Ryan”. Ho pianto.

8) 1984, “Red Dawn”

Adoro questa stagione, è stato un vero esperimento e piuttosto difficile da realizzare. Ciao, tre mesi di riprese notturne. Tutti hanno perso la testa. È il cast più giovane che abbiamo mai avuto, e un vero omaggio a quando Brad e io siamo cresciuti negli anni ’80. È intenzionale, stiamo davvero cercando di riportare alla mente quel tempo e quei film. Falchuk è il re degli anni ’80, è uno studioso di tutti quei film dell’orrore, quindi è stato un vero spasso. Adoro il potere femminile in questa stagione: adoro che Emma sia la brava ragazza, un cambiamento nel mio mondo, e quanto sia sobria ed elegante; Adoro quanto Billie Lourd sia sincera e geniale, continua a dimostrarmi di essere un talento. Sono stato ispirato dalla sua performance, sto scrivendo una miniserie solo per lei! Segreta, ma sarà il mio tributo al suo talento. Leslie Grossman! Siamo amici dal 1998. Leslie era solita venire a casa mia quel primo anno di Popular e guardavamo i quotidiani sui nastri VHS. Sono così orgoglioso di lei. La scena in cui distrugge Gus Kenworthy su una barca è davvero una lezione di impegno. È stata una notte difficile e Leslie ha davvero interpretato un personaggio così diverso da se stessa. E Angelica Ross! Quanto è grandiosa? Un’altra attrice che può fare qualsiasi cosa, qualsiasi tono, qualsiasi movimento. Adoro il fatto che sia bravissima su Pose e anche su American Horror Story quest’anno, che mi abbia aperto nuove strade e mi abbia costantemente informato rendendomi più illuminato. E ancora, John Carroll Lynch. Ogni volta che è in una scena, ho solo timore reverenziale. Quando stavo realizzando The Normal Heart, ho trascorso il 90% del mio tempo a parlare con Mark Ruffalo della creazione di Zodiac, e Mark continuava a dire di lui, “È il migliore”. Sono d’accordo.

9) Roanoke, “Chapter Six”

Ho adorato la forma di questa stagione, come ha sconvolto tutto. Ho adorato questo episodio perché ha cambiato il formato. Passa dalla storia di una casa stregata a una storia di uno spettacolo reality ambientato in questa casa. Questa stagione è stata molto polarizzante, ma l’ho adorata. Ho adorato il modo in cui gli attori recitavano più ruoli all’interno di una storia che raccontava una storia, soprattutto Kathy Bates. Questo è uno dei suoi ruoli più importanti per noi, credo. Non sono mai stato più affascinato di quando Kathy si arrabbia a causa dei Saturn Awards e dell’ingiustizia di tutto. Era così brillante in questo ruolo. Lo erano tutti. Questa è stata la stagione che mi ha fatto pensare “Ok, questo show può durare 20 anni”. Perché possiamo continuare a giocare con il formato. Mi è stato dimostrato che non era necessario che ogni stagione fosse un grande show. Potremmo essere grezzi, ruvidi e sinceri. Mi ha rinvigorito in qualche modo, dopo le opere che avevamo fatto. Sembrava un approccio cinematografico indipendente. Sembrava “Ok… stagione 20? La faremo.”

Cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti!

Correlato con American Horror Story

Fonte: Entertainment Weekly

Consigliati dalla redazione