Arrow 8: tutti gli scioccanti eventi della première!

Attenzione: l'articolo contiene spoiler
Starling City, la première dell’8^ ed ultima stagione della serie capostipite dell’Arrowverse non ha perso temo nello sciogliere alcuni dei più grandi misteri che aleggiavano intorno a questo finale appuntamento con Arrow, che sarà composto da un totale di 10 episodi in questa stagione, uno dei quali farà parte delle 5 puntate che racconteranno gli eventi della Crisi sulle Terre Infinite che investirà il multiverso berlantiano tra dicembre 2019 e gennaio 2020 e, sebbene i fan della serie fossero preparati a qualcosa di notevole impatto emotivo, in pochi immaginavano che la Crisi fosse così imminente, tanto da essere raffigurata nei minuti finali dell’episodio in cui viene mostrata l’epica distruzione di Terra-2 da parte dell’antimateria.

CORRELATO – Arrow 8×01 “Starling City”: la recensione

Una delle domande che il pubblico si poneva circa la missione affidata ad Oliver (Stephen Amell) da The Monitor (LaMonica Garrett) era se questa avrebbe comportato scontrarsi con diverse realtà o piuttosto viaggiare nel tempo e la risposta è che, tre le due opzioni, ha prevalso la prima, con gran parte dell’azione dell’episodio si svolge, appunto, su Terra-2. L’Oliver di questo universo alternativo, che presumiamo essere morto nell’affondamento della Queen’s Gambit, viene sostituito così da quello di Terra-1 e catapultato sull’isola di Lian Yu da The Monitor, per fare ritorno a Starling City dopo 12 anni di assenza.

Qui il personaggio si scontra con una realtà molto diversa dalla sua: Felicity non è una semplice consulente informatica, ma la proprietaria della Smoak Tech, Adrian Chase è The Hood e ha composto un mini-Team Arrow con Laurel/Black Siren, Tommy Merlyn è l’Arciere Oscuro e l’antagonista dell’eroe, Moira Queen si è risposata con Malcolm Merlyn e Thea è morta di overdose a soli 18 anni, ma nonostante tutto, Oliver riesce a portare a termine la missione affidatagli da The Monitor – recuperare delle particelle di una stella nana – grazie anche all’aiuto di Diggle/Spartan, giunto da Terra-1 per aiutarlo.
Quando Oliver si ritrova presso il Dipartimento di Polizia, dopo essersi congedato da Tommy e da sua madre, Laurel giunge inaspettatamente sul posto, avvisandolo che qualcosa di terribile sta accadendo: la città è sotto attacco e, sotto gli occhi increduli di tutti i presenti comincia letteralmente a scomparire, inghiottita – con tutti i suoi abitanti – da una forza sconosciuta che rappresenta la prima concreta visualizzazione della minaccia costituita dal sopraggiungere della Crisi sulle Terre Infinite dalla quale Oliver, Laurel e Diggle riescono a fuggire quando quest’ultimo apre un portale per il loro mondo.

In un battito di ciglia la Terra-2 di non-Laurel, di Harrison “Harry” Wells e Jesse Quick è diventata solo un ricordo il che, come ha rivelato la showrunner di Arrow in un recente intervista con EW “è l’indicazione che la crisi è iniziata prima di quanto credessimo”, aggiungendo come questa rivelazione facesse parte dei loro piani già da tempo. “Sapevamo fin da subito, quando abbiamo cominciato a delineare la stagione che volevamo cominciare con il botto e che volevamo introdurre la crisi immediatamente, perché questo è il tema centrale della stagione e ciò con cui Oliver si scontrerà per tutto il tempo“. Beth Schwartz ha anche scherzato su come abbiano dovuto chiedere il permesso agli autori di The Flash di distruggere un intero Universo:
Sono stati molto cortesi a concederlo“.

L’opportunità di vedere fin da subito la minaccia della crisi aumenta esponenzialmente il senso di urgenza della missione di Oliver, ha proseguito la showrunner:
Sicuramente ha creduto a The Monitor quando gli ha detto che doveva andare con lui, perché ha visto di cosa è capace, ma essere testimone della distruzione di un intero pianeta ha certamente rafforzato la comprensione di cosa stia per accadere. Per me, il momento più importante è stato proprio quello finale, quando Oliver afferra Laurel e la trascina con sé e si capirà perché nel prosieguo della stagione“.

Nell’episodio Stephen Amell, che finge appunto di essere l’Oliver di Terra-2, ha inoltre l’opportunità non solo di ricevere consigli dalla voce di sua madre per quanto concerne il diventare padre, ma troverà anche la pace per la morte di Tommy quando riuscirà a convincerlo a non portare a termine il suo piano di vendetta:
E’ stato perfetto, perché parte di questo episodio è stato un po’ come ‘La vita è meravigliosa’ e ci ha dato l’opportunità di mostrare cosa sarebbe successo se Oliver non fosse tornato da Lian Yu e se fosse davvero morto“, ha dichiarato la Schwartz.

Stephen Amell ha poi aggiunto anche che Moira e Tommy non saranno le uniche persona a cui vedremo Oliver dire addio:
Non c’è stato un solo giorno facile sul set quest’anno. E’ stato raro non vedere il mio personaggio dire addio a qualcuno anche perché siamo giunti alla fine. Ho avuto quest’opportunità con Susanna [Thompson] e molti altri, compreso Colin Donnell. Per quanto emotivamente difficile sia per Oliver, sento che per me non è diverso“.

Nei prossimi episodi Oliver tornerà su Terra-1 e vi resterà per il resto della stagione (crossover escluso), ma non starà molto a Star City:
Visiteremo dei luoghi in cui siamo stati negli anni precedenti, quindi la stagione avrà luogo in diverse location, penso che solo un paio di episodi si svolgeranno a Star City,” ha poi concluso la showrunner.

L’ottava ed ultima stagione di Arrow va in onda negli Stati Uniti ogni martedì su The CW.

Consigliati dalla redazione

È necessario attenersi alla netiquette, alla community infatti si richiede l’automoderazione: non sono ammessi insulti, commenti off topic, flame. Si prega di segnalare i commenti che violano la netiquette, BAD si riserva di intervenire con la cancellazione o il ban definitivo.