Attorno a Game of Thrones, la popolarissima serie HBO, sono sorte occasionalmente varie polemiche, tra queste la scarsa varietà etnica dei personaggi principali, con la sola Missandei, tra quelli più rilevanti, ad avere la pelle scura. Eppure c’è stato un momento in cui George R.R. Martin, l’autore de Le cronache del ghiaccio e del fuoco, il ciclo di romanzi dai quali la serie è tratta, ha pensato di caratterizzare i Targaryen, una delle famiglie al centro delle vicende, differenziandoli dagli altri personaggi anche attraverso il colore della pelle.

Lo scrittore nel 2013 aveva infatti affermato sul suo blog, in risposta a una domanda di un appassionato, di averli sempre immaginati con caratteristiche proprie, diverse da quelle degli altri abitanti di Westeros. Come fossero una razza a parte, in maniera coerente con la loro ossessione per la purezza del loro sangue. Alla fine decise di farlo secondo un approccio fantasy, dotandoli di capelli argentei e iridi viola, un espediente ottimo sulla carta, meno efficace a livello di resa visiva nella serie. Eppure successivamente alla loro creazione Martin si interrogò più volte sulla validità di tale scelta.

“Negli anni recenti ogni tanto ho pensato che sarebbe stato interessante se i signori dei draghi di Valyria, i Targaryen, fossero stati di colore. Forse avrei potuto mantenere il colore argenteo dei capelli…No, sarebbero sembrati degli elfi oscuri. Però se avessi fatto invadere Westeros, i cui abitanti sono per la maggior parte bianchi, da dei dominatori di colori la cosa avrebbe potuto essere male interpretata. I Targaryen poi non sono stati tutti eroi, anzi, alcuni di loro sono stati dei mostri, dei pazzi, quindi…”

E voi come avreste visto una Daenerys Targaryen di colore in Game of Thrones? Ditecelo nei commenti!

 

 

Fonte: Winter is Coming

Consigliati dalla redazione