Come era ampiamente previsto dalla pausa che ci attende da qui alla messa in onda degli ultimi due episodi di Crisi sulle Terre Infinite, che saranno trasmessi a metà gennaio come 8° episodio di Arrow ed episodio speciale di Legends of Tomorrow, la puntata del crossover di The Flash si è conclusa con un cliffhanger che ha visto il personaggio di Harbinger uccidere, sotto il controllo di Anti-Monitor, il suo salvatore The Monitor, il multiverso venire cancellato e Pariah portare in salvo i soli 7 campioni: il modello di umanità Ryan Choi, di speranza Supergirl, di coraggio Batwoman, di onore J’onn, di amore Barry, del destino Sara Lance e quello di verità Lex Luthor che ha preso il posto del Superman di Terra-96 dopo aver sostituito il suo con il nome di Kal-El nel Libro del Destino.

CORRELATO – The Flash 6×09 “Crisi sulle Terre infinite Ep. III”: la recensione

Il trailer che è stato però rilasciato alla fine dell’episodio ci fornisce qualche interessante dettaglio su cosa potrebbe accadere nell’appuntamento finale con questo crossover, a cominciare proprio dal ruolo di Oliver Queen (Stephen Amell) che vediamo apparire nel promo dopo che The Flash viene colpito da qualcosa che lo mette K.O. mentre dice al velocista di trovarsi dentro la Forza della Velocità. A giudicare dalla reazione di Barry Allen (Grant Gustin) è plausibile affermare che questo sia il primo incontro tra i due dopo la morte di Green Arrow nonché, forse, il momento in cui Oliver avrà modo di spiegare al suo amico il suo nuovo ruolo nella crisi o anche semplicemente il motivo per cui non sia morto.
Pur non avendo idea se ciò avverrà, sarebbe interessante che i due potessero affrontare inoltre il discorso di come a quel punto, essendo Terra-1 stata spazzata via con tutti i suoi abitanti, compresi i rifugiati di Terra-38, il sacrificio di Oliver sia di fatto stato vano ed egli sia morto per nulla e come, di conseguenza, il suo ruolo come The Spectre potrebbe ribaltare le sorti dell’universo e dare maggiore dignità al ruolo del personaggio nella crisi.

Nella scena successiva, in quella che immaginiamo essere ancora la dimensione dove i 7 campioni sono stati condotti, sarà trascorso un mese quando l’episodio di Arrow debutterà il 14 gennaio negli USA, un indizio confermato dal personaggio di Ryan Choi (Osric Chau) e dalla sua barba incolta. Subito dopo, in sottofondo, si sente la voce di Oliver annunciare “L’Anti-Monitor è all’alba dei tempi” poco prima che tutti i campioni, forse per mano di Pariah, vengano condotti in una nuova dimensione per poter fronteggiare il loro nemico.

E’ qui, che nella miniserie del 1985 le cose si fanno piuttosto complicate con quella che è descritta nel fumetto come “la battaglia dell’inizio dei tempi” ed in cui soprattutto il ruolo di The Spectre viene definito nella sua essenzialità per la sconfitta di Anti-Monitor.
Nel fumetto infatti, con sole 5 terre superstiti, Terra-1, Terra-2, Terra-4, Terra-X e Terra-S sul punto di fondersi tra loro venendo distrutte, Lex Luthor guida la rivolta di un gruppo di super cattivi con l’intento di prendere il comando di questo nuovo multiverso, senza rendersi conto di quanto vano sia il suo tentativo di attaccare i supereroi di questi pianeti, quando il piano di Anti-Monitor di spazzare via il multiverso non è ancora giunto a conclusione.
A dissuaderlo dal portare avanti la sua suicida idea di conquista sarà proprio The Spectre, che riuscirà a convincere eroi ed antieroi ad unirsi per combattere contro il loro comune nemico, qualcosa che sicuramente vedremo anche nella trasposizione televisiva di Crisi sulle Terre Infinite e che ci viene confermata da una veloce scena che si può scorgere nel trailer ed in cui si vedere per un attimo il personaggio di Anti-Flash (Tom Cavanagh), con il suo costume giallo, attraversare di corsa lo schermo. Sebbene non ci sia sia dato di sapere chi dei nemici dei supereroi superstiti si presenterà all’appello, è probabile che vedremo dei rappresentanti di ciascuna delle cinque serie coinvolte in questo crossover.

Una volta che i due gruppi avranno deciso di collaborare, unendo i loro poteri apriranno il portale verso una dimensione che nel fumetto viene descritta come “un nulla, un tempo prima del tempo, prima della creazione“, in cui si svolgerà appunto “la battaglia dell’inizio dei tempi” ed in cui incontreranno faccia a faccia il loro nemico che, prima di dare il via a quello che sarà un epico scontro, rivelerà come non siano mai stati gli esperimenti di Pariah a liberarlo dalla sua prigione, ma come questi siano piuttosto serviti ad aiutarlo a convertire l’antimateria in energia per distruggere per primo il pianeta di Pariah e poi le altre terre, accumulando così tanto potere da riuscire finalmente a liberarsi dalla sua prigione con l’unico scopo di creare un universo di antimateria a suo immagine. A questo scopo e per comprendere meglio la storia d’origine di tutti i personaggi, immaginiamo che sarà anche dedicata una breve porzione dell’episodio proprio al racconto della nascita di Monitor, Anti-Monitor e Pariah.

Nella battaglia che segue nel fumetto, come accennavamo, il ruolo di The Spectre sarà ancora una volta fondamentale, questo essere superiore – che ha preso nel crossover televisivo le sembianze di Oliver Queen – riuscirà infatti, con l’aiuto di alcuni stregoni, a fermare Anti-Monitor provocando un’esplosione tale da causare la fusione delle cinque terre in un unico mondo, ponendo così fine al multiverso della DC.

Nel crossover televisivo, in cui il multiverso è già stato ufficialmente distrutto nell’ultimo episodio, vedremo sicuramente uno scontro tra Anti-Monitor e The Spectre (sulla sinistra nell’immagine sottostante), che forse proprio in occasione di questa battaglia mostrerà per la prima volta il suo volto a quelli che erano i suoi amici, finendo per sacrificarsi ancora una volta per la salvezza dell’universo o, in questo caso, per far tornare in qualche modo in vita Terra-1 con tutti i suoi abitanti.

Ed è a questo punto che crediamo si concluderà forse l’episodio di Arrow del crossover e riprenderà quello di Legends of Tomorrow, con un multiverso completamente rivoluzionato composto ormai da una sola terra, nella quale riappariranno tutti i personaggi che sono periti nell’episodio di The Flash.
Se, nonostante questa deviazione dal fumetto, la trama del crossover continuerà a rispettare quella delle miniserie a fumetti, ci ritroveremo di fronte ad una situazione davvero complessa, in cui tutti gli abitanti di Terra-1 non ricorderanno gli eventi della crisi ad eccezione dei 7 campioni, che potrebbero quindi non solo trovarsi ad essere coloro che hanno salvato l’universo insieme a The Spectre come era scritto nel loro destino, ma anche ad essere l’unica memoria storica di quello che una volta era il multiverso.

E se pensate che la storia finisca qui, dobbiamo dissuadervi perché, se il sacrificio di The Spectre avrà salvato ciò che resta del multiverso, non avrà però fermato definitivamente Anti-Monitor che tornerà ad combattere un’ultima battaglia contro i suoi nemici prima di essere cancellato dall’esistenza, qualcosa che probabilmente vedremo anche nella trasposizione televisiva del crossover, considerate alcune immagini rubate dal set in cui si vede uno scontro tra il personaggio interpretato da LaMonica Garrett ed un nutrito gruppo di eroi, compresi alcuni che al momento risultano morti con la distruzione di Terra-1.

Gli episodi finali del crossover Crisi sulle Terre Infinite, quello di Arrow e Legends of Tomorrow saranno trasmessi dopo la pausa natalizia, martedì 14 gennaio 2020, sempre su The CW.