The Witcher tornerà sugli schermi di Netflix con gli episodi della seconda stagione (Henry Cavill ha recentemente accennato al ritorno sul set, qui i dettagli), e la showrunner Lauren Hissrich ha rivelato che nelle puntate inedite non ci sarà un elemento molto discusso dagli spettatori.
Rispondendo alle domande dei fan su Reddit, la produttrice ha confermato che non ci saranno più diverse dimensioni temporali che si intersecano negli episodi:

La struttura narrativa era stata ideata in modo da poter raccontare delle storie brevi su Geralt (le basi dell’intero mondo di The Witcher, secondo me), mentre Ciri e Yennefer potevano comunque far parte dell’azione. Le loro storie non si svolgevano in simultanea, quindi sapevamo che dovevamo un po’ giocare con il tempo. Questo cambierà sicuramente nella seconda stagione perché le storie hanno iniziato a unirsi.

Lauren S. Hissrich ha proseguito sottolineando:

Onestamente? Non mi aspettavo che fosse una delle parti più criticate e discusse della serie. Ho sentito molte persone dire ‘Non l’ho capita fino al quarto episodio!’, che è esattamente quando pensavamo sarebbe accaduto. Penso sia una scelta personale: amo i film con delle strutture che devo capire mentre li guardo e altre persone non li apprezzano. In questo caso le persone che l’hanno odiato saranno fortunate perché la seconda stagione sarà strutturata in modo diverso.

Che ne pensate delle dimensioni temporali di The Witcher? Lasciate un commento!

CORRELATO ALLE DIMENSIONI TEMPORALI DI THE WITCHER:

Lo show, la cui prima stagione è composta da otto episodi, racconta la storia di Geralt di Rivia (Cavill), un solitario cacciatore di mostri che lotta per trovare il proprio posto in un mondo in cui le persone si dimostrano essere più spietate delle bestie. Quando il destino lo porta a incontrare una potente donna che usa la magia e una giovane principessa con un pericoloso segreto, i tre devono imparare ad affrontare i pericoli insieme. I romanzi, come molti di voi già sapranno, sono stati adattati in una serie di videogiochi di successo.

Ispirata al best-seller fantasy, The Witcher è una fiaba epica. Geralt di Rivia, un solitario cacciatore di mostri, lotta per trovare il suo posto in un mondo in cui le persone spesso si dimostrano più malvagie delle bestie. Ma quando il destino lo spinge verso una potente strega e una giovane principessa con un pericoloso segreto, i tre devono imparare a convivere per affrontare insieme un viaggio. Nel cast della serie: Henry Cavill (Geralt di Rivia), Freya Allan (Ciri, la principessa di Cintra), Anya Chalotra (la maga Yennefer), Jodhi May (la Regina Calanthe), Björn Hlynur Haraldsson (il cavaliere Eist), Adam Levy (il druido Saccoditopo), MyAnna Buring (Tissaia), Mimi Ndiweni (Fringilla), Therica Wilson-Read (Sabrina) e Millie Brady (la Principessa Renfri).

Quattro episodi, tra cui il primo, sono diretti da Alik Sakharov (House of Cards, Il Trono di Spade), mentre Alex Garcia Lopez (Marvel – Luke Cage, Utopia), Charlotte Brändström (Outlander – L’ultimo vichingo, Counterpart e Disparue) e Marc Jobst (Tin Star, Marvel’s The Punisher) dirigono due episodi ciascuno.

La prima stagione ha debuttato su Netflix il 20 dicembre.

Fonte: WeGotThisCovered