Fin dai primi episodi, Riverdale (la cui quarta stagione viene trasmessa ogni mercoledì in prima serata su Premium Stories – canale 122 di Sky) ha dato ampio spazio alla musica regalando molte performance, sfruttando la presenza tra i personaggi della band Josie and the Pussycats e le indubbie qualità vocali dei protagonisti della serie. A partire dalla seconda stagione è però iniziata una tradizione ormai consolidata: realizzare una puntata in stile musical.

Capitolo trentuno: Una notte indimenticabile mostra infatti gli studenti del liceo esibirsi sulle note dei brani ispirati al classico del cinema Carrie, diretto da Brian De Palma, mentre in Capitolo cinquantuno: Diciassettenni è il turno di Heathers: The Musical, tratto dal film Schegge di follia. Per la quarta stagione gli autori hanno invece pensato a Hedwig – La diva con qualcosa in più in cui si racconta la storia di una transgender della Germania dell’Est che, dopo una fallimentare operazione per cambiare sesso che produce risultati indefiniti, si ritrova abbandonata dal compagno e costretta a ripartire da zero nel Kansas.

Le scelte compiute dagli autori per quanto riguarda i musical si confermano decisamente originali nell’ambito dei teen drama proposti sul piccolo schermo. Il creatore di Riverdale, Roberto Aguirre-Sacasa, così ha spiegato la scelta di Carrie: “Avevamo la sensazione che se avessimo dovuto realizzare un musical all’interno di una serie un po’ sovversiva e dark come la nostra, sarebbe stato bello fare qualcosa che non fosse semplicemente Grease”. Carrie racchiudeva tutti gli elementi perfetti per adattarsi allo show tratto dai fumetti di Archie: “I personaggi di Carrie sono degli archetipi, così come quelli di Riverdale”. Sullo schermo la tormentata Cheryl Blossom è diventata quindi Carrie, Alice Cooper era la madre incredibilmente religiosa della teenager, mentre Betty e Veronica non potevano che essere le cattive ragazze Sue e Chris. Aguirre-Sacasa, inoltre, era reduce dalle esperienze teatrali di American Psycho e Spider-Man: Turn Off the Dark e conosceva la versione di Broadway di Carrie, un vero e proprio flop massacrato dalla critica e dal pubblico, situazione che lo ha invogliato a far conoscere i brani a un pubblico più ampio.

Da In, che permette di capire i punti di vista di tutti i personaggi, al brano Carrie interpretato da Madelaine Petsch con il costume che ricrea alla perfezione quello della protagonista del film al ballo della scuola, senza dimenticare la ballata Unsuspecting Hearts o la trascinante The World According To Chris, fino al sanguinoso colpo di scena sul palco, l’episodio ha unito alla perfezione il racconto dei teenager di Riverdale e quello dell’iconico personaggio creato da Stephen King.

L’anno successivo è stato il turno del musical ispirato a Schegge di Follia, che ha dato spazio a tematiche come omofobia, mean girls e bullismo al liceo. La coreografa Heather Gray ha sottolineato: “Tutti questi personaggi hanno affrontato così tanto, è un musical davvero adatto. Heathers: The Musical parla della perdita dell’innocenza e del tentativo di tornare a essere un normale studente del liceo”. Camila Mendes, interprete di Veronica, ha spiegato che la produzione “compie un gran lavoro nella scelta dei musical da portare sugli schermi, perché deve fondersi in maniera naturale tenendo in considerazione la storia di tutti i personaggi”. L’attrice ha poi aggiunto: “Girare una puntata musical non è uno scherzo ed è davvero complicato. Abbiamo a disposizione lo stesso tempo di un episodio normale, e non è detto che siamo tutti abituati a ballare o cantare! Ma la troupe ha tenuto in considerazione tutti questi elementi, e quindi girare Schegge di Follia è stato più semplice”.

La selezione delle canzoni composte per il musical da Laurence O’Keefe and Kevin Murphy regala ai fan della serie momenti divertenti, come lo scontro tra Toni e Cheryl sulle note di Candy Store, o emozionanti con il desiderio di essere dei teenager “normali” espresso dalla canzone Seventeen. Lasciano il segno anche l’intensità di Lifeboat, interpretata da Camila Mendes e la sensualità di Dead Girl Walking con cui Toni, ruolo affidato a Vanessa Morgan, cerca di superare i suoi problemi sentimentali e la romantica Fight For Me affidata alla coppia composta da Archie e Josie.

Nella finzione è Kevin (Casey Cott) a occuparsi dei musical rappresentati al liceo ma, dopo aver convinto Hermione Lodge del fatto che Heathers fosse una scelta appropriata nonostante si affrontassero argomenti come suicidio e bullismo durante un periodo all’insegna delle morti misteriose tra i giovani e dell’arrivo della setta chiamata la Fattoria in città, nella quarta stagione il ragazzo si ritroverà a scontrarsi con il preside Honey (Kerr Smith) che gli impedisce di portare sul palco Hedwig, il musical ideato da Stephen Trask. I giovani protagonisti daranno quindi vita a una ribellione tra i corridoi del liceo, come dimostrano anche le prime foto (che potete vedere qui) che ritraggono i protagonisti in costume, compresi tacchi alti e parrucche.

Bisognerà però attendere per scoprire quali brani verranno eseguiti dal cast per la gioia dei fan e un po’ meno del protagonista della serie KJ Apa, che fuori dal set fa parte della band The Good Time Boys e, in un’intervista rilasciata a MTV, ha ammesso con molta onestà: “Riverdale è l’esempio perfetto di ‘Sono un musicista. Ma apprezzo gli aspetti musicali del progetto che sto facendo? Non proprio! Ma lo devo fare’. Le persone semplicemente continuano a obbligarmi a cantare in quetti questi progetti!”

Trovate tutte le notizie e gli approfondimenti sulla quarta stagione di Riverdale, in onda ogni mercoledì sera su Premium Stories (canale 122 di Sky), nel nostro speciale.