L’ultimo episodio di Star Trek: Picard ha messo in scena la morte di un amato personaggio del franchise, e il creatore della serie Michael Chabon ha spiegato perché ha deciso di muoversi in questa direzione. Hugh, personaggio introdotto nella serie The Next Generation, è infatti morto nell’episodio Nepenthe, il settimo della serie Amazon (qui la nostra recensione della puntata). Alcuni tra gli spettatori potrebbero non aver gradito la scelta, ma Chabon ha spiegato che si è trattato di un processo molto naturale:

È stato molto triste scriverlo. Non direi che questo è sempre stato il piano per il personaggio, ma quando abbiamo iniziato a sviluppare e dare forma all’arco narrativo di Hugh, sembrava il modo migliore, quello più onesto emotivamente. Lo spunto iniziale sul coinvolgimento di Hugh e la sua morte sono emersi naturalmente dalle discussioni su cosa significasse essere stato un Borg. Abbiamo impiegato una grande parte della stagione sulle vite degli ex Borg – Ex Bs, come li chiamiamo – ed esplorato come le loro vite sono state traumatizzate, come hanno o non hanno affrontato quel trauma e come sono rimasti oggetto di paura e di odio. E abbiamo messo Hugh al centro di quello che portava a quello che sembrava un modo drammatico per raccontare la fine del personaggio.

CORRELATO A STAR TREK: PICARD, SPIEGATA LA MORTE DI UN PERSONAGGIO

La serie è prodotta dai CBS Television Studios in collaborazione con Secret Hideout e Roddenberry Entertainment. Alex Kurtzman, Michael Chabon, Akiva Goldsman, James Duff, Patrick Stewart, Heather Kadin, Rod Roddenberry e Trevor Roth sono i produttori esecutivi, Aaron Baiers (Secret Hideout) è co-produttore esecutivo e Kirsten Beyer è supervising producer. Hanelle Culpepper ha diretto i primi due episodi della serie. Nel cast ci sono anche Alison Pill, Harry Treadaway, Isa Briones, Santiago Cabrera, Michelle Hurd ed Evan Evagora.

La serie CBS All Access è disponibile in streaming su Amazon Prime Video in oltre di 200 paesi.

Trovate tutte le informazioni su Star Trek: Picard, disponibile dal 24 gennaio su Amazon Prime Video in Italia, nella nostra scheda.

Potete commentare qui sotto o sul forum.

Fonte: THR