Il successo della docu-serie Tiger King ha riacceso l’attenzione nei confronti della serie Joe Exotic che avrà come protagonista Kate McKinnon e ha sollevato un po’ di preoccupazione tra gli animalisti e le organizzazioni che si occupano di diritti degli animali. Lauren Thomasson, responsabile di PETA per quanto riguarda l’utilizzo degli animali nei film e nelle serie tv, ha dichiarato:

Tiger King, arrivata su Netflix, ci spinge a prestare attenzione agli abusi e alle negligenze subite dai felini e dagli altri animali usati per l’intrattenimento. Sono stati compiuti dei passi in avanti che verrebbero vanificati se venissero usati dei veri animali selvatici nella prossima serie di Universal Content Productions. Speriamo che siate d’accordo sul fatto che usare la tecnologica, come CGI o gli animatronic, o immagini già esistenti sia l’unico modo di rappresentare gli animali in modo coscienzioso.

McKinnon avrà il ruolo di Carole Baskin, l’attivista che si scontra con Joe Exotic (Joseph Maldonado-Passage). La situazione prende poi una svolta drammatica quando l’uomo decide di ingaggiare un killer su commissione per uccidere la rivale.

PETA conosce molto bene Joe Exotic: l’organizzazione ha cercato per anni di porre fine alle attività del suo Greater Wynnewood Exotic Animal Park, riuscendo a salvare quasi 50 animali che erano tenuti in cattività nella struttura e ora sono stati trasportati in santuari dove possono vivere in spazi adeguati, oltre ad aver fatto causa alle strutture che avevano acquistato dei cuccioli nati nello “zoo”, come mostrato anche nelle puntate prodotte da Netflix.

Che ne pensate della richiesta della PETA ai produttori di Joe Exotic? Lasciate un commento!

Fonte: The Hollywood Reporter