Dopo una certa attesa, i fan dei Simpson possono godersi su Disney+ le prime stagioni della serie così come sono state concepite, in 4:3 invece che in 16:9. Il cambio di formato aveva creato da subito dei problemi rilevati da molti spettatori, tra cui alcune gag visive completamente tagliate fuori dall’inquadratura. Pochi giorni fa è arrivata la conferma che alla fine di maggio il problema sarebbe stato risolto. Come mai la modifica ha richiesto così tanto tempo?

Il team di Disney+ ha dovuto riconfigurare il modo in cui i contenuti stessi sono distribuiti sulla piattaforma. Infatti, il cambio di formato poteva condizionare alcune feature del servizio, come la lista personale, la riproduzione automatica e altri dettagli simili. Il responsabile Joe Rice ha spiegato:

Dovevamo cambiare le nostre iniziali conclusioni e ripensare al modo in cui i contenuti per lo streaming sono impacchettati e distribuiti. Non potevamo trattare questa versione in 4:3 come un contenuto bonus a sé stante.

Il problema tecnico risiedeva nel fatto che il sistema utilizzato dalla piattaforma è pensato per ottimizzare un solo modello di visualizzazione, e quindi formato, per ogni “tag”. Il team del servizio Disney+ ha dovuto quindi ripensare questo sistema per poter introdurre il concetto di più modelli o combinazioni di audio o video in questo caso. Secondo Rice, questo nuovo sistema dettato dalla necessità potrebbe aprire le porte ad altre opportunità future.

CORRELATO A SIMPSON IN 4:3 SU DISNEY+

Cosa ne pensate? Lasciate un commento!

 

Fonte: Variety