Curon, la serie italiana Netflix che ha debuttato poche settimane fa in streaming (qui la nostra recensione), ha lasciato in sospeso alcune domande le cui risposte potrebbero forse erano svelate in una possibile seconda stagione, non esclusa dagli autori e dai produttori del progetto.

Il sito CBR.com, nell’attesa di scoprire se Netflix rinnoverà lo show, ha elencato alcuni punti ancora avvolti dal mistero.
Non proseguite ovviamente con la lettura se non avete ultimato la visione della prima stagione e non volete spoiler.

Il primo doppelganger di Klara (Anna Ferzetti) viene ucciso dal doppio di suo marito Albert (Alessandro Tedeschi) perché non vuole che rimpiazzi sua moglie. In scena appare poi un altro doppelganger della donna e la vera Klara si toglie la vita lasciando che prenda il controllo della sua vita e della sua famiglia. Klara 3.0 aiuta però la famiglia Raina nel tentativo di sconfiggere i doppelganger e aiuta a salvare i figli di Klara e quelli di Raina, collaborando con Thomas  (Luca Lionello). Gli spettatori sono quindi stati lasciati con il dubbio legato alle motivazioni della creatura che, incomprensibilmente, aiuta gli esseri umani e non i suoi simili.

Micki (Juju Di Domenico) viene tradita dal suo migliore amico Lukas (Luca Castellano), a causa del suo legame con Daria (Margherita Morchio). Il giovane viene poi ucciso dal suo doppelganger. Quando il padre del teenager coinvolge un prete perché nota qualcosa di strano nel figlio, il religioso sembra proteggere le copie degli esseri umani, sostenendo che non c’è nulla di sbagliato nel ragazzo. Il sito sostiene che quando viene ucciso il secondo Lukas e si scopre il cadavere del ragazzo, il prete consola il padre con uno sguardo sinistro. Alcuni spettatori hanno quindi pensato che sia un personaggio legato agli occultisti tedeschi.

Nella serie sembra essere chiaro che non possono essere creati doppelganger se la persona “originale” viene uccisa, ma non si spiega come prendano vita o se possano essere “buoni”, come sembra accadere con la terza Klara.
Gli spettatori non hanno inoltre chiaro il numero di copie che possano essere create, considerando proprio la situazione di Klara, apparentemente diversa da quella degli altri personaggi. Il fatto che la donna abbia avuto dei figli con un doppelganger di Albert potrebbe avere inoltre delle conseguenze sul fisico e sulla mente dei ragazzi.

Berger, l’amico di Thomas, lo aiuta a salvare i ragazzi, perdendo però la vita. Il sito sostiene che potrebbe essere un doppelganger che si è “redento”, come accaduto con Klara. Uno degli elementi rimasti in sospeso è infatti il numero di copie delle persone vere che attualmente vivono in città, considerando che il padre di Anna non ha avuto il coraggio di uccidere la versione alternativa della figlia e lo stesso potrebbe essere accaduto ad altri membri della comunità.
Cbr sottolinea che non tutti i doppleganger potrebbero avere un comportamento violento e sopra le righe, rendendo quindi aperta ogni possibilità. I tedeschi, animati dalla voglia di vendetta, hanno usato le arti oscure per rimpiazzare gli italiani a Curon, ma Klara, essendo in parte di origine tedesca, apre la possibilità che anche i discendenti dei nazisti possano avere dei doppelganger.

Che ne pensate? Quali elementi di Curon vi hanno suscitato maggiore perplessità?

Fonte: Cbr.com