The Flash: le anticipazioni sulla 7^ stagione della serie

La vita di The Flash e di tutte le serie dell’Arrowverse non sarà facilissima il prossimo anno, come annunciato dal presidente di The CW Mark Pedowitz durante gli Uprfont, tutti gli show Berlantiani (a meno di quello che viene ritenuto un miracolo) andranno infatti in onda a partire da gennaio 2021, invece dell’usuale data di ottobre, con Supergirl e Legends of Tomorrow – la prima anche a causa della gravidanza della protagonista Melissa Benoist – che sposteranno il debutto delle rispettive seste stagioni alla primavera del prossimo anno, presumibilmente a maggio.

Nonostante questa rivoluzione nella programmazione del network, causata dalla crisi sanitaria mondiale che ha obbligato tutte le produzioni televisive a fermare improvvisamente tutti i set, i fan degli show sono stati però anche già rassicurati circa la lunghezza delle prossime stagioni, che saranno composte dai soliti 22 episodi (con l’ovvia esclusione di Legends of Tomorrow che ne ha sempre avuti meno). Dal punto di vista organizzativo, nuovi protocolli andranno a cambiare radicalmente la vita sui set per la protezione di attori e troupe, regole che probabilmente imporranno tempi di riprese più lunghi del normale, con un solo episodio le cui riprese verranno portate a termine probabilmente in 10 giorni, invece che i 7/8 di prima, con notevoli ripercussioni su tempi e quindi costi. Questo nuovo palinsesto, inoltre, potrebbe essere causa di non poco stress per i lavoratori dello spettacolo, che si ritroveranno il prossimo anno a lavorare quasi senza interruzione tra la fine di una stagione e l’inizio della successiva, considerato che la stagione televisiva 2021-22 dovrebbe riprendere in tempi normali, cioè ad ottobre 2021.

Gli effetti di questa rivoluzione organizzativa si stanno già ripercuotendo sull’Arrowverse che, nella fattispecie, si appresta per esempio a programmare per il prossimo anno un crossover molto meno ambizioso del solito, che non vedrà la luce se non nel primo quadrimestre del 2021. Non bisognerà quindi aspettarsi qualcosa sulla falsa riga di Crisi sulle Terre Infinite, ha assicurato sempre Pedowitz, aggiungendo:
Sarà un evento di sole 2 ore che coinvolgerà Superman & Lois e Batwoman, con diversi personaggi che parteciperanno da altri show“, una scelta che, secondo Marc Guggenheim, non si deve però solo alla difficile situazione sanitaria, come aveva anticipato il produttore in tempi non sospetti a TVLine:
La Marvel non ha prodotto un Endgame 2 subito dopo la fine di Endgame, eventi del genere devono essere pianificati con molto anticipo ed una cosa su cui tutti concordiamo è che non faremo nulla di così grandioso il prossimo anno. In realtà, con Mark Pedowitz abbiamo proprio parlato di tornare alle radici dei primi crossover“.

CORRELATO – The Flash 6×19 “Success Is Assured”: la recensione [FINALE DI STAGIONE]

Per quanto concerne in particolare The Flash, come è noto, la 6^ stagione si è conclusa con 3 episodi di anticipo, cosa che – secondo lo showrunner Eric Wallace – intervistato qualche tempo fa da EW – non ha sconvolto più di tanto i piani degli autori per la stagione appena conclusa, né per quella che seguirà:
Non abbiamo cambiato idea sul modo in cui andremo a chiudere questo arco narrativo a causa dei tre episodi che ci restano e che ora sono semplicemente diventati i primi tre che vedremo nella 7^ stagione, compreso il 6×20, divenuto ora 7×01, che è stato già girato per il 90%. Nei due episodi successivi, poi, chiuderemo la trama dedicata ad Eva. Probabilmente ritoccheremo qualcosa, perché non sappiamo ancora che effetti avrà questa pandemia sulle riprese, su cose come: possiamo usare delle comparse? Possiamo organizzare delle sequenze con quei grossi stunt che il pubblico è abituato a vedere nei finali di The Flash? Potremmo dover ridimensionare molte cose, non so. Ma dovremo adeguarci senza cambiare la trama, perché la storia di Eva è su una precisa traiettoria che vogliamo onorare e concludere. Per quanto concerne il resto della 7^ stagione, avevamo già cominciato a pensarci prima dell’inizio della pandemia. Ora il nostro pensiero è come la situazione attuale la influenzerà. Io penso che sarà persino migliore e più forte, perché ci obbliga a concentrarci su due cose: la conclusione della storyline dedicata ad Eva e l’inizio della trama che introdurrà il nuovo cattivo della storia e che relazione esso avrà con Barry ed Iris, una connessione che dovrà essere ancora più solida del normale, perché di mezzo non ci sarà più una pausa estiva di mesi, ma una sola settimana“.

La necessità di dover introdurre in così breve tempo un nemico credibile per il Team Flash, deve aver tenuto svegli autori e showrunner, che potrebbero ricorrere quindi alla migliore e forse più prevedibile soluzione, pescando dal folto gruppo di antagonisti che hanno già affrontato il velocista scarlatto in altre occasioni e trovando una soluzione che, finalmente, potrebbe mettere a confronto con Barry Allen un nemico che non è mai stato sfruttato in maniera davvero soddisfacente, nonostante le sue enormi potenzialità: Godspeed.

Introdotto per la prima volta nella 5^ stagione, con l’arrivo di Nora West-Allen nella vita di Barry ed Iris, Godspeed è stato originariamente presentato come un velocista che veniva dal 2049, responsabile di fatto dell’insorgere dei poteri di Nora. Nella première della 6^ stagione, poi, il Team Flash ha annunciato di aver affrontato ben quattro cloni di altrettanti velocisti, incapaci di parlare o spiegare la loro presenza a Central City ed infine, nel penultimo episodio della stagione appena conclusasi, Pay The Piper, Godspeed viene di nuovo introdotto nei panni però di un personaggio che non è l’August Heart del futuro e che riesce a dire Barry, esprimendosi con un sospetto plurale maiestatis, in riferimento forse ai velocisti che lo hanno preceduto, che sono stati mandati da qualcuno che vuole “infinita velocità“.

Questo personaggio dall’enorme potenziale inespresso, a quanto pare, è da ritenersi un brutto ricordo, perché Eric Wallace è finalmente pronto a fare di Godspeed l’antagonista che ha sempre meritato di essere, notizia confermata da TVLine, quando ha recentemente chiesto allo showrunner se il velocista sarebbe comparso anche nella prossima stagione, per risolvere il mistero delle sue parole: “Sì, lo possiamo confermare, prenderemo proprio quella direzione!“.

Sebbene Wallace non abbia specificato se Godspeed sarà il nuovo cattivo di stagione, il fatto che il pubblico abbia una certa familiarità con il personaggio e sappia che i protagonisti vi sono legati, per il collegamento che ha con Nora, potrebbe essere la soluzione a quell’impasse a cui lo showrunner aveva già fatto cenno. Quel che è certo è che il prossimo anno, così come confermato dalla descrizione ufficiale della 7^ stagione, il Team affronterà una terribile minaccia che ne minerà le solide fondamenta:

Dopo un emozionante cliffhanger che ha visto la nuova Mirror Master vittoriosa e libera di girare per Central City, The Flash deve riorganizzarsi per fermarla e deve trovare un modo per contattare sua moglie Iris, ormai scomparsa da tempo. Con l’aiuto del resto del Team Flash – che include Caitlin Snow, Cisco Ramon, Ralph Dibny e Nash Wells, oltre al patrigno di Barry Joe West, l’avvocato metaumano Cecile Horton, la reporter Allegra Garcia ed il brillante esperto di tecnologia Chester P. Runk – Flash riuscirà a sconfiggere Mirror Master. Ma nel farlo libererà anche una nuova e più potente minaccia per Central City, che rischia di fare a pezzi il suo team ed il suo matrimonio.

CORRELATO A THE FLASH

La 7^ stagione The Flash andrà in onda negli Stati Uniti a partire da gennaio 2021 su The CW, in Italia è attualmente in programmazione la 6^ stagione che va in onda ogni giovedì su Premium Action (canale 125 di Sky)