Nel corso di un’intervista, Jason Isaacs è tornato a parlare di The OA e della terza stagione mai realizzata della serie Netflix. Ancora una volta, è stato chiesto all’attore se è possibile continuare a sperare in nuovi episodi dello show, ma la risposta è stata decisamente negativa:

C’è stato molto fermento da parte dei fan per riuscirci, ma la serie non tornerà. Ma, alla fine, abbiamo potuto realizzare due stagioni di quella che forse è la serie più originale e innovativa nella quale sia mai stato coinvolto in 32 anni di carriera. Molte persone che conosco hanno molto tempo libero per adesso, quindi se avete Netflix vi consiglio di guardarla, perché è uno show che reinventa il modo di raccontare le storie.

Non fa le cose nel modo in cui ve le aspettereste. Brit Marling, che era la protagonista e la sceneggiatrice, è una voce molto originale, e io ero emozionato di stare vicino a lei. Mi ha distrutto vederla cancellata. Ma ormai mi guardo indietro e penso: “almeno c’è quello”. Almeno ci sono due stagioni di qualcosa di diverso da tutto quel che avete visto.

In passato l’attore aveva anche parlato di un piano a lungo termine per realizzare addirittura cinque stagioni della serie.

CORRELATO A THE OA TERZA STAGIONE

Al centro della serie c’era la storia di Prairie Johnson, una ragazza non vedente che era scomparsa e ritornava nella comunità in cui era cresciuta e, misteriosamente, riacquistava di nuovo la vista. Prairie iniziava quindi a parlare di quanto accadutole nei sette anni avvolti dal mistero alle persone che aveva scelto per “compiere una missione”.

Cosa ne pensate? Lasciate un commento!

Fonte: Digital Spy