Batwoman 2 e la possibile evoluzione di Alice nella nuova stagione

Sono trascorsi poco più di due mesi da quando Ruby Rose, Batwoman nell’omonima serie di The CW, ha annunciato a sorpresa la sua decisione di lasciare il ruolo di Kate Kane, che è stato ereditato dall’attrice afroamericana Javicia Leslie, che nella serie non prenderà tuttavia il suo posto, ma interpreterà un personaggio tutto nuovo, che vestirà i panni della giustiziera di Gotham al posto della precedente protagonista.

CORRELATO – Perché Ruby Rose ha lasciato Batwoman?

Come abbiamo già avuto modo di sottolineare questa decisione deve aver comprensibilmente causato agli autori non pochi problemi, visto come molte delle storyline, nonché tutti i personaggi che gravitavano intorno alla protagonista, fossero legati a doppio filo con Kate Kane. Dalla sorella/nemesi Alice che aveva organizzato il perfetto inganno per infiltrarsi nel Team Batwoman creando un Bruce Wayne ad hoc, al padre Jacob (Dougray Scott) che aveva giurato di voler liberare la città dalla presenza di qualsivoglia giustiziere, fino ad approdare al suo interesse sentimentale Sophie (Meagan Tandy) ed ai membri del suo team Luke Fox (Camrus Johnson) e Mary Hamilton (Nicole Kang), dal punto di vista narrativo è veramente difficile immaginare una seconda stagione senza Ruby Rose.

Secondo Screenrant, però, una soluzione per salvare il salvabile, soprattutto per quanto concerne il personaggio di Alice di Rachel Skarsten, uno dei più interessanti della scorsa stagione, ci sarebbe ed ha a che fare con la possibile evoluzione di Alice in Red Alice.

Nei fumetti, a partire dal novembre del 2014, è stata pubblicata una trama – dai numeri #37 al #40 di Batwoman – in cui l’eroina di Gotham finiva nelle grinfie di una sua nemica: Natalia, alias Nocturna. Natalia Mitternacht è una sorta di vedova nera, un’esponente dell’alta società, che aveva collezionato diversi mariti per il cui omicidio viene internata nel manicomio di Arkham. Dopo essere stata rilasciata, alla fine della sua condanna, Natalia si scontra in diverse occasioni con Batwoman. Un giorno Natalia vede però una foto di Kate Kane sul Gotham Magazine e, riconoscendola immediatamente come la sua rivale, attua un piano per liberarsene. Introducendosi nella sua camera da letto e facendole credere di essere la sua compagna, il capitano Maggie Sawyer, Nocturna morde Kate sul collo e la ipnotizza. Da quel momento in poi, Kate comincia a comportarsi in maniera strana ed aggressiva, facendosi terra bruciata attorno e lasciando persino bruscamente Maggie per mettersi con Natalia.

A salvare la sorella, tornata dopo un’assenza di mesi da Gotham, giungerà però Elisabeth Kane, che comunica a Kate di aver deciso di farsi chiamare Red Alice e, proprio da questo momento, inizia la sua trasformazione da criminale in antieroina. Mentre Natalia continua a manipolare Kate, facendole credere tra le altre cose di essere diventata un vampiro ed un’assassina, solo la presenza della sorella la tiene legata alla realtà e quando Nocturna cerca di convincerla ad uccidere anche lei, la completa resa da parte di Elisabeth e la sua disponibilità a sacrificarsi per la sorella, romperà l’ipnosi e farà tornare in sé Batwoman che riuscirà finalmente a comprendere la vera natura della donna che credeva di amare ed a liberarsi definitivamente di lei.

Nei numeri precedenti a questa storyline, era stato rivelato che Alice aveva cominciato una terapia psichiatrica che stava chiaramente avendo successo e che la sorella di Kate era determinata ad espiare i peccati del passato. Dopo lo scontro con Nocturna, Red Alice diventa un membro del Team Batwoman assieme a Ragman, Clayface ed al demone Etrigan, anche se non mancano momenti in cui la sua precedente natura tenta di tornare in superficie, il suo ruolo subisce un chiaro cambiamento.

Nella serie, il rapporto tra Beth e Kate è indubbiamente ciò che ha dato energia vitale allo show, distinguendo il rapporto tra antagonista ed eroe da qualsiasi cosa avessimo visto fino a quel momento nell’Arrowverse. L’ostacolo che gli autori si ritrovano però a dover superare con l’uscita di scena della protagonista, non è decisamente facile da affrontare.

CORRELATO – Batwoman introduce Bruce Wayne nell’Arrowverse… con un trucco

L’idea che Alice possa evolvere, come nei fumetti, in un antieroe è forse una delle poche che potrebbe permettere al personaggio di restare nella serie in un ruolo rilevante, anche se – qualunque strada gli autori sceglieranno – comporterà obbligatoriamente l’assenza di Ruby Rose, il che significa che non sarà possibile riprodurre una storyline come quella proposta nei fumetti. Anche se, a far scattare il desiderio di guarigione in Beth, potrebbe proprio essere la brusca scomparsa della sorella.
Oltre a questo problema, bisogna tenere in considerazione che la 1^ stagione della serie si era conclusa con l’introduzione del piano di Alice la quale, dopo aver ucciso il fratello Mouse, aveva ideato un piano per impossessarsi della kryptonite custodita dalla sorella usando un Tommy Elliot con il volto di Bruce Wayne (Warren Christie) come talpa per ingannare il Team Batwoman. Che ruolo assegnare ad un Bruce Wayne senza Kate, diventa quindi un altro dei molti grattacapi che gli autori si ritroveranno a dover risolvere o comunque spiegare ad un pubblico che si troverà presumibilmente di fronte ad uno show profondamente cambiato rispetto al suo debutto.

CORRELATO – Dopo la pandemia i set televisivi provano a tornare alla normalità… o quasi

La 2^ stagione di Batwoman, andrà in onda negli Stati Uniti a partire da gennaio 2021. Per quanto concerne invece il ritorno sul set degli attori delle serie di The CW, da alcuni tweet sappiamo che Supernatural dovrebbe riprendere a girare il 18 agosto, Riverdale il 14 settembre, The Flash il 22 settembre e Superman & Lois e Supergirl il 28 settembre.