In occasione dell’uscita della prima parte della quinta stagione di Lucifer su Netflix (leggi la nostra recensione), gli showrunner e il protagonista Tom Ellis hanno parlato di come la lavorazione di questi episodi sia stata condizionata dalla decisione, in corsa, di rinnovare la serie per una sesta e ultima stagione. Lucifer, lo ricordiamo, era stata cancellata da Fox dopo la terza stagione, e salvata da Netflix che aveva ordinato una quarta stagione e poi ordinato la quinta.

“Immaginate correre una maratona, arrivare vicini alla fine e sentirsi dire: ehi, in realtà la fine è un po’ più in là!”, commenta Ellis su The Wrap. “Abbiamo attraversato tutta la vicenda della cancellazione, il movimento #SaveLucifer, che è stato incredibile, il salvataggio… e poi quando ci hanno rinnovati, ci hanno detto che sarebbe stata la stagione finale e che sarebbe durata solo 10 episodi. Invece poi l’hanno ampliata a 16 episodi, e hanno diviso in due la stagione. Sono cose che cambiano in continuazione! Ma devo apprezzare il fatto che questi cambiamenti costanti sono dovuti alla popolarità crescente della serie, non possono cancellarla. Non muore! È incredibile. […] È una cosa che ti esaurisce emotivamente, ma è fantastico. Sono felice che il pubblico veda la serie e che stia avendo un simile successo!”

Il rinnovo per una sesta e “veramente ultima” stagione è arrivato a giugno, ed è a quel punto che gli showrunner Joe Henderson e Ildy Modrovich hanno dovuto mettersi a lavorare con gli sceneggiatori per trasformare il finale della quinta stagione e convogliarlo nella sesta. Spiega Ellis: “La quinta stagione, in realtà, non è stata completata. Ci mancavano cinque o sei giorni di riprese quando c’è stato il lockdown. Quindi non abbiamo finito di girare il finale della quinta stagione, che è la prima cosa che faremo quando torneremo sul set. A quel punto poi inizieremo subito a girare i dieci episodi della la sesta. La settimana scorsa ho fatto una riunione con gli sceneggiatori e mi hanno spiegato cosa succederà nella sesta stagione. È interessante, perché ovviamente mentre giravamo la quinta stagione pensavamo sarebbe stata l’ultima. Quindi andavamo in una certa direzione, continuavamo a pensare a come sarebbe stato il finale. In pratica, la sesta stagione si concluderà come doveva concludersi la quinta, ma nel mezzo inseriremo un’altra storia.”

Gli showrunner confermano questa cosa in un’altra intervista, questa volta su Collider:

Una delle cose importanti che abbiamo detto quando abbiamo accettato di fare la sesta stagione è che non volevamo cambiare la quinta stagione, perché l’amavamo. Quando uscirà la seconda parte, vedrete quanto è coerente, quanto tutto quadra a pennello. La adoro. Non volevamo cambiare il finale, e così abbiamo semplicemente chiuso la stagione. Ildy stava scrivendo il sesto atto, e noi stavamo accelerando su una serie di storie e di passaggi che forse avremmo potuto ampliare. E così adesso possiamo dirvi che la quinta stagione sarà esattamente come l’abbiamo pensata, ma che quello che doveva essere il finale è diventato una stagione a sé, la sesta, arricchita da altre storie e idee che abbiamo avuto.