Geraldine Viswanathan, secondo alcune indiscrezioni, dovrebbe essere la protagonista della serie Ms. Marvel, uno dei progetti prodotti per Disney+, e la giovane attrice ha ora commentato le notizie apparse online legate al progetto che dovrebbe debuttare nel 2021.
La giovane star, apparsa recentemente in Blockers e Bad Education, ha parlato a Screen Rant della possibilità di diventare una supereroina.

Geraldine ha dichiarato:

O mio dio, è così lusinghiero. Ed è per ora la mia supereroina preferita, quindi è davvero fantastico. Ma ho delle basse aspettative. Accadrà quello che deve accadere. Troveranno la perfetta Miss Marvel e sono davvero eccitata all’idea di vedere la serie.

I fan delle avventure di Kamala sembrano aver già approvato la possibile scelta, creando anche delle fan art che mostrano l’attrice nel ruolo e come membro del team di Young Avengers.
Disney+ non ha però ancora annunciato il nome della protagonista e si attendono inoltre degli aggiornamenti riguardanti la possibile uscita dello show sulla piattaforma di streaming, attualmente in programma nel 2021.

Cosa pensate della possibile scelta di Geraldine Viswanathan come star di Ms. Marvel? Lasciate un commento!

Nei fumetti, originariamente Ms Marvel era l’identità di Carol Danvers, ma successivamente il nome è passato al personaggio di Kamala Khan, una pachistana-americana che ha fatto il suo debutto sei anni fa ed è diventata popolarissima tra i fan teenager della Marvel. Creata da Sana Amanat, G. Willow Wilson e Adrian Alphona, Kamala Khan è una sedicenne del New Jersey che ammira molto Carol Danvers e che acquisisce accidentalmente superpoteri come l’elasticità e la possibilità di ingrandirsi o rimpicciolirsi, arrivando a far parte dei Vendicatori.

La produzione della serie ha assunto Clifford Johnson, un famoso fisico, per aiutare il team degli autori guidati da Bisha K. Ali a proporre una rappresentazione accurata delle avventure di Kamala Khan. L’esperto ha già collaborato in passato con i Marvel Studios in occasione di Avengers: Endgame.

Fonte: Screen Rant