1984 di George Orwell diventerà una serie televisiva grazie a wiip, lo studio formato dall’ex capo di ABC Paul Lee, che ha acquistato i diritti per un adattamento dello spettacolo teatrale realizzato nel 2013 da Robert Icke e Duncan Macmillan.
La produzione teatrale, della durata totale di 100 minuti, darà così vita a cinque episodi.

Lo show aveva debuttato sul palco del teatro Nottingham Playhouse nel 2013 ed è poi tornato in scena più volte a Londra, approdando all’Hudson Theatre di Broadway nel 2017, con una versione con star Olivia Wilde e Tom Sturridge.
Sul palco c’è stato spazio per scene di tortura e violenza che hanno causato tra gli spettatori anche svenimenti e attacchi di vomito.

David Flynn si occuperà della produzione del progetto televisivo insieme a Icke, Macmillan e Lee. Sul piccolo schermo si assisterà a una “nuova e coraggiosa versione” della storia ideata da Orwell ambientata in un mondo che ha sviluppato una pericolosa dipendenza per la mancanza di informazione.
I produttori hanno dichiarato:

Mentre il mondo affronta la democrazia e il governo in un’epoca divisa all’insegna della sorveglianza, ‘fake news’, e la decadenza della verità, l’attualità del capolavoro di Orwell è innegabile. Il piccolo schermo sembra una casa naturale per il suo ritratto di una società in cui le persone si fidano di più degli schermi che del mondo fuori dalle loro finestre.

Che ne pensate della serie tv tratta da 1984 di George Orwell? Lasciate un commento!

Fonte: Deadline