Alla fine American Horror Story non avrà un finale di stagione di due ore.

Quello che inizialmente doveva essere un tredicesimo episodio di 120 minuti verrà infatti ridotto a 90. Il motivo di questa sceltà è attribuibile al serratissimo calendario della produzione, il quale non permette di andare oltre il timing sopracitato.

Il progetto, il cui pilot era stato ordinato in febbraio e poi girato in maggio, ha ricevuto da FX il via libera per la serie il 18 luglio: due settimane dopo la produzione era già partita al fine di avere la première per il 5 di ottobre.

Dato che la complessità degli episodi ha richiesto una media di 8 giorni di lavoro invece dei tradizionali 7 – soprattutto per via delle complesse scene che caratterizzano lo show, è chiaro che il tredicesimo episodio verrà ultimato il 15 dicembre. Visto che il tempo necessario per dargli la post-produzione di cui necessita è striminzito, Ryan Murphy (dopo aver ha discusso con il presidente del network John Landgraf per settimane) ha deciso che la cosa migliore da fare è accorciare di 30 minuti il finale. Deadline ci tiene comunque a precisare che Murphy è riuscito tranquillamente a pianificarlo, e non ci sono dubbi che il risultato lascerà decisamente soddisfatti gli spettatori.

Le ultime notizie vogliono inoltre che la seconda stagione di American Horror Story andrà oltre i 13 episodi. Incrociamo le dita e attendiamo di avere presto informazioni in merito…

Fonte: Deadline